San Marino Oggi. Trasporti a San Marino: puntare su linee pubbliche italiane e del Titano

San Marino Oggi: Trasporti sammarinesi sott’acqua / L’Aeroporto è un bene che appartiene alla comunità

SAN MARINO. I trasporti a San Marino fanno acqua da tutte le parti: autobus vuoti, linee male impostate, transfer scolastici costosi. Perché non sfruttare le linee pubbliche italiane e sammarinesi? Non sarebbe difficile attuare una connessioni di orari per evitare perdite di tempo agli studenti – le fermate dei bus italiani e sammarinesi a Dogana distano poche decine di metri. Il disagio per gli studenti sarebbe assai contenuto, e in epoca di revisione della spesa, sarebbe proprio indicato mettere mano a questo settore per conseguire sensibili risparmi. Si continua ad utilizzare corriere con servizi dati in appalto a privati lasciando i mezzi pubblici vuoti. Alcuni anni orsono, su iniziativa di Alberto Amati (per quindici anni revisore di ATC, trasporti pubblici regionali, Omnibus, Aeradria e Bologna airport), vennero in Repubblica i massimi dirigenti di ATC che avanzarono alcuni suggerimenti “mai ascoltati – riferisce Amati -“. Per non parlare dell’aeroporto che da diversi anni imponeva una diversa politica onde evitare una debacle come l’attuale. Nell’amministrazione di Aeradria San Marino ha grandi responsabilità pur con la sua modesta quota. Si è infatti accodata all’andazzo generale dei politici e delle associazioni di categoria italiane. Anche la presenza di Air Riminum quale potenziale futuro gestore, sembra alquanto fragile e intanto si assiste allo smantellamento dei servizi a terra. (…)


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy