San Marino. Otello Gaggi: dal rifugio sul Titano al gulag kazako

L’anarchico aretino fu fra i tanti rifugiati politici a San Marino durante il Biennio Rosso. Fu perseguitato da due regimi totalitari.

DANIELE CESARETTI. In quel martoriato periodo storico noto come il Biennio Rosso (1921-1922), molti rifugiati politici – fossero essi stati sovversivi, anarchici, antifascisti della prim’ora nonché disertori e renitenti alla leva – trovarono rifugio nella Repubblica di San Marino.
E’ difficile farne un conteggio preciso, data lo stato di clandestinità di molti, ma la cifra s’aggira sui 200 rifugiati. Fra i nomi più illustri figura anche il sindacalista bolognese Giuseppe Massarenti (1867-1950) ed il comunista Vittorio Ambrosini (1893-1971, che più tardi diventerà fascista e poi democristiano!). Alzi la mano, però, chi conosce fra i rifugiati sul Titano l’aretino Otello Gaggi
(1896-1945). (…)

Articolo tratto da L’informazione di San Marino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy