San Marino. Pallacanestro. Vittoria sul filo del rasoio per Asset Banca

SAN MARINO. Asset Banca ha sconfitto Tigers Forlì 72-70. Alcune difficoltà erano già note alla vigilia, il talento dei Tigers, seconda forza del campionato, il loro ritmo, la loro corsa, la loro atleticità di ragazzi tutti under 24, insomma il gruppo più difficile da incontrare e gestire per un roster, quello dei Titans, in difficoltà di risultati e dall’età media prossima al trentello. Altre sono arrivate on court, l’infortunio di Gamberini dopo soli 5’, l’espulsione di Benzi al 28’, una cascata di liberi regalati agli avversari con i quattro tecnici sanzionati e soprattutto il -9 al 36’ (59-68) dopo una gara tutta all’inseguimento ma senza mai sprofondare oltre la doppia cifra di ritardo. 

Tutto apparecchiato per una resa, peraltro da pronostico. Ma quando il gruppo di coach Del Bianco diventa solido come le rocce del Titano, non c’è tigre che tenga, le rocce sono indigeste anche al più feroce dei felini. Quei 4’ finali sono da raccontare, con due liberi di Saccani, cinque in un amen di Gaggia ed un centro ancora di Saccani arriva la parità a 68 al 38’ dopo 6 attacchi di fila falliti dalle Tigri; l’Asset Banca sale 70-68 con due liberi di Mazzotti a chiudere il break di 11-0 a -1’04”, Donati pareggia a -42”. La tripla di Mazzotti non entra (-30”), così come l’attacco ospite sul ribaltamento. Restano 3” sul crono e coach Del Bianco con il timeout guadagna la rimessa in attacco; palla a Saccani che riceve spalle a canestro e, raddoppiato, inventa una soluzione decisiva in jumper dall’angolo che, per peso specifico e senso di dramma sportivo, non ricordavamo al Multieventi dai tempi del miglior Rossini. 

Comunicato Stampa Pallacanestro Titano

Nella foto: Matteo Saccani, match winner

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy