San Marino. Paolo Forcellini (Lo Stradone): ‘Letterina sammarinese a Babbo Natale’

Paolo Forcellini – Lo Stradone: Letterina sammarinese a Babbo Natale


Viva il Papa Francesco. Mi ha dato un suggerimento prezioso. Almeno così io lo reputo. Infatti appena l’ho visto, nella capitale del Mali, ad aprire la Porta Santa, mi son ridetto Grande Francesco! E quasi ho gridato viva viva La Misericordia. E subito ho pensato: apriamo anche noi La Porta! quella del Paese. Già, Misericordiosi con speranza si deve essere, in questa rattristata Repubblica. Dove la politica è implosa precipitando dentro se stessa. E gli antichi successi economici dello Stato sono esplosi, come bolle di sapone e bianche ed azzurre. Dunque Misericordia per chi ha messo le mani nel denaro pubblico e per le migliaia di “complici” silenti che sapevano, spesso prendevano e sempre non dicevano! E tuttavia misericordia perdonante anche all’italica informazione che, senza curarsi di prove autentiche e di punizioni – anche carcerarie – ha dato fiato alle trombe delle sue risorse “letterarie”… Noi abbiamo la Porta Aperta. Dunque, auguriamoci un nostrale Anno Santo. Che scacci i miasmi del passato e le ripetute infamie profferite e scritte contro La Nostra Repubblica. Dove se qualche mafioso ha operato l’ha potuto fare perché sfuggito alle leggi del Paese qui di sotto! Trovando, s’intende, manodopera di adeguata “buona volontà”. Ma, ora è anche tempo di recuperare i valori che distinsero le nostre vicende storiche e che tuttora non avviliscono e non hanno avvilito l’attualità. Dunque Sammarinesi andiamo! E tempo di tornare alla Porta del Paese, per attraversarla e riattraversarla senza ceneri sul capo o ridente dimenticanza di noti misfatti. Si devono percorrere le difficolta dei tempi che corrono. Facciamo le paci! Fra noi e con gli altri. Teniamo presente che la Penisola Italica è in Europa e che tutta l’Europa è in tumulto. Vi Imperversa l’auri sacra fames (la voracità finanziaria) ed altri vogliono dire e far credere che il Bravo Arabo vada anche onorato staccando i Crocifissi dai muri. Ma -di contro- c’è chi spara e chi le spara grosse. Non facciamoci colpire. Viva lo Spirito, del Natale com’era, nei nostri cuori come sono. Verrà l’anno nuovo ed avrà i nostri “gnocchi”… sulla coscienza.


Viva la Repubblica di San Marino! Viva tutti i Sammarinesi.



Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy