San Marino. Paralimpiadi di Rio 2016, il Comitato Paralimpico risponde ad Attiva-Mente

Il direttivo del Comitato Paralimpico Sammarinese in risposta al comunicato dell’Associazione Attiva-Mente chiarisce quali sono le ragioni per cui La Repubblica di San Marino non parteciperà alle Paralimpiadi di Rio 2016.

Siamo i primi ad essere rammaricati del fatto di non poter vedere sventolare la nostra bandiera biancazzurra in un appuntamento tanto prestigioso e nel non poter rivivere le emozioni indimenticabili di Londra 2012, ma vale la pena ricordare che quando parliamo di Olimpiadi o Paralimpiadi, parliamo di sport ad alto livello ed è normale che per parteciparvi si debba avere una media di buoni, se non ottimi punteggi, e comunque risultati all’altezza. Ci dispiace molto altresì leggere che San Marino è uno dei Paesi che non potrà mai avere atleti in grado di esprimere dei punteggi accettabili per partecipare alle Paralimpiadi di diritto, noi siamo convinti del contrario: portiamo ad esempio lo sport olimpico sammarinese.

Purtroppo quando si pratica sport a certi livelli i sacrifici sono veramente tanti e molto spesso, ogni sportivo lo sa, non sempre vengono ripagati dai risultati, ma lo sport si pratica principalmente per passione, è fondamentalmente una gara contro se stessi per cercare di raggiungere e se possibile superare i propri limiti. Capiamo l’amarezza di Mirko (chi non l’avrebbe…) ma noi l’esortiamo a continuare ad allenarsi con passione e provare a qualificarsi per le prossime Paralimpiadi: nulla è perduto, avendo iniziato a praticare questo sport solo dal 2014.

Leggi il comunicato CPS

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy