San Marino. Pellicce sparite ed estorsione: 3 arresti. Corriere Romagna

Gavino Cau – Corriere Romagna: In manette negoziante milanese, il mediatore e il camionista. Allo scambio tra documenti e merce sei pattuglie della Squadra Mobile / Pellicce sparite ed estorsione: 3 arresti / Nel mirino noto commerciante sammarinese: presi 400 capi per cancellare pesanti debiti

FORLÌ. Estorsione da centinaia di migliaia di euro e tre arresti nel mondo dei pellicciai. Due nomi tra i più conosciuti nel settore coinvolti: Giorgio Magnani, 70 anni, come vittima del raggiro, e Ugo Canali, 58 anni, un negozio anche in pieno centro a Milano, nel ruolo di estorsore insieme a due complici, anche loro finiti in manette.

Un blitz della Squadra Mobile domenica scorsa ha permesso di recuperare buona parte della refurtiva. Oltre 300 pellicce di proprietà di Giorgio Magnani, nativo di Civitella di Romagna, residente a San Marino, titolare di Romagna Furs”, con sede a Falciano di San Marino, consegnate in conto vendita a Ugo Canali e poi sparite, salvo poi essere offerte, almeno in parte, al legittimo proprietario dietro la cancellazione dei debiti pregressi a carico oltre che dello stesso Canali, anche di Giancarlo Peschiera, 59enne, altro pellicciaio, titolare del negozio “Erbavoglio” di Verona che si era proposto come mediatore della trattativa per far riavere metà delle pellicce sparite a Magnani. Domenica a Soncino (Cremona) dove doveva avvenire lo scambio tra la merce e i documenti che attestavano la cancellazione dei debiti, c’erano però anche 5 pattuglie della Squadra Mobile di Forlì e una Mobile di Cremona. In manette, oltre a Canali e Peschiera, è finito anche Ermanno Vanderi, 54enne muratore di Orzinuovi, l’uomo che è stato fermato alla guida del camion carico di pellicce da riconsegnare a Magnani. Estorsione aggravata e appropriazione indebita le accuse contestate. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy