San Marino. Per gli investitori finanziari italiani, il Governo Monti ha cambiato le norme

Nuove norme sono state varate dal governo Monti per gli investitori italiani in Paesi come la Repubblica di San Marino, come ha riferito ieri Fabrizio Vedana, di Italia Oggi.

Il ddl Stabilità prevede, inoltre, che l’imposta sulle attività finanziarie
detenute all’estero (cosiddetta Ivafe) così come l’imposta di bollo fissa di
34,20 euro sui conti correnti e sui libretti detenuti all’estero, trovino
applicazione solo a partire dall’anno 2012, eliminando quindi il riferimento
all’anno 2011 che tanti dubbi aveva generato nell’applicazione della nuova
imposta. Alla luce delle modifiche apportate dal ddl Stabilità il nuovo tenore
dell’articolo 19, comma 20, del decreto legge 201 del 2011 sarà pertanto il
seguente: L’imposta di cui al comma 18 (ndr trattasi della nuova imposta sulle
attività finanziarie detenute all’estero detta anche Ivafe) è stabilita nella
misura dell’1 per mille annuo, per il 2012, e dell’1,5 per mille, a decorrere
dal 2013, del valore delle attività finanziarie
.

Leggi l’articolo intero di Fabrizio Vedana,  Italia Oggi

Oggi i Giornali parlano di…

Webcam Nido del Falco

Meteo San Marino di N. Montebelli

Vignette di Ranfo

Accadde oggi, pillola di storia

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy