San Marino. Pierpaolo Loffreda ad Angelica Bezziccari, L’Informazione di San Marino

Agelica Bezziccari, L’Informazione di San Marino:  Pierpaolo Loffreda: “una città senza cultura diventa una stalla” 

Da gennaio 2014, con l’avvento delle strumentazioni digitali, le proiezioni a
San Marino avverranno solo in un’unica sala, al Teatro Concordia a Borgo
Maggiore, e tranne specifici eventi di privati, nelle altre sale della
Repubblica non verrà più portata avanti la consueta programmazione
cinematografica. Negli anni passati però a San Marino si è sempre cercato di
mantenere viva una certa cultura cinematografica, come racconta in questa
intervista Pierpaolo Loffreda.

Quando è iniziata la sua esperienza a San Marino e qual era la sua
mansione?
“La mia collaborazione con l’Amministrazione di San Marino – con
l’Ufficio Attività Sociali e Culturali, in particolare – è iniziata nella
primavera del 1993. Mi hanno invitato a curare una rassegna, dedicata alle donne
al cinema, al Cinema Turismo. Così abbiamo avviato una lunga e fortunata
collaborazione. Dalle rassegne tematiche (il western, la spiritualità) siamo
presto passati ai cartelloni continuativi di “Occhi sul cinema” al Teatro Nuovo
di Dogana, ricchi di diverse proposte, e anche ad altre attività, durante tutto
l’anno, per un compenso complessivo di 6.000 euro all’anno, rimasto inalterato
per molti anni. L’ufficio era diretto – benissimo, secondo me – da Gemma
Cavalleri, e il confronto, fra di noi, era continuo e fruttuoso. Le attività
così si sono moltiplicate, fino a coinvolgere moltissimi utenti”. 
(…)

(leggi la intera intervista  ed il ‘commiato’ di Loffreda (2011)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy