San Marino. Proroga Commissione antimafia, per le indagini. Il forno Vallefuoco?

La  Commissione consiliare sul fenomeno delle infiltrazioni della criminalità organizzata, nella Repubblica di San Marino,  istituita nel luglio 2011, ha chiesto –  come si legge  nell’ordine del giorno della prossima sessione consiliare –  una    Proroga  delle funzioni d’inchiesta   che, nell’ottobre 2011,   le furono assegnate per sei mesi  per “appurare le eventuali responsabilità politiche di coloro che hanno interagito in maniera diretta o indiretta nei fatti emersi dall’indagine relativa alla vicenda “FINCAPITAL”.”

Dunque sui politici coinvolti  nell’operazione 
Staffa
  c’è ancora da aspettare, nonostante la fretta posta dalle dichiarazioni di uno degli indagati, Roberto Zavoli, e la terribile affermazione contenuta in un  atto ufficiale degli inquirenti napoletani (pactum sceleris). 

Sorprende il silenzio da parte della commissione anche circa una vicenda tutta interna alla Repubblica di San Marino, anzi circoscritta alla  sola Pubblica Amministrazione, che tanto ha allarmato i sammarinesi: il cosiddetto forno vallefuoco

Uno strano silenzio si è avuto  sulla vicenda anche da parte dell’Osservatorio Antimafia, che pure avrebbe avuto  un’occasione per esprimere  in concreto la sua efficacia operativa, oltre che a diffondere  giudizi tranchant.

Sulla vicenda, i politici,  tutti d’accordo hanno deciso di non procedere, con una deliberazione sorprendente presa in una Commissione Interni

 

ASCOLTA IL GIORNALE RADIO DI

OGGI

OGGI I

GIORNALI PARLANO
DI

Webcam
Nido del Falco

Meteo San
Marino di N. Montebelli

Vignette

di Ranfo

Accadde oggi, pillola di
storia

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy