San Marino, Psrs incontro su ‘Turismo e Commercio …’

COMUNICATO STAMPA

Martedì 15 maggio 2012 alle ore 21 presso la Sala Montelupo della Casa del Castello di Domagnano, il Partito Socialista Riformista Sammarinese incontrerà la cittadinanza nell’ambito della conferenza pubblica “TURISMO e COMMERCIO: Pilastri del nuovo modello di sviluppo”. La serata si aprirà con una breve relazione introduttiva del Consigliere Federico Pedini Amati, seguita dal dibattito – moderato dalla giornalista della SMTV, Sonia Tura – al quale parteciperanno Francesco Biordi (Segretario Generale U.S.L.), Carlo Lonfernini (Presidente U.S.C.) e Massimo Casadei (Membro del Direttivo O.S.L.A.). Prima delle conclusioni, che verranno effettuate del Presidente Paride Andreoli, sarà lasciato ampio spazio alle riflessioni e alle domande del pubblico.

Il Partito Socialista Riformista Sammarinese ritiene fondamentale il coinvolgimento della cittadinanza e della società civile in una fase particolarmente complessa del Paese. Infatti la situazione sul piano economico e sociale è davvero molto grave e merita di essere affrontata con equilibrio, responsabilità e partecipazione. La recessione iniziata nell’ultimo trimestre del 2008 proseguirà almeno sino alla fine del 2012 e le prospettive future sono tutt’altro che incoraggianti. Dall’inizio dell’anno centinaia di aziende hanno chiuso i battenti. Il tasso di disoccupazione cresce inesorabilmente e colpisce maggiormente le fasce sociali più deboli, cioè giovani, donne ed ultracinquantenni. L’indebolimento del settore finanziario prosegue a causa del conclamato isolamento internazionale e della mancanza di un progetto complessivo orientato al consolidamento dell’esistente e alla individuazione di nuove opportunità di sviluppo. La permanenza nella black-list del Mef sta gradualmente erodendo la parte sana della nostra economia. Le sofferenze della finanza pubblica sono ormai diventate di carattere strutturale e mettono seriamente in pericolo la tenuta dell’intero sistema Paese.
In tal senso, il Psrs rileva l’immobilismo del governo che si limita ad annunciare periodicamente l’imminenza della normalizzazione dei rapporti con l’Italia, ma contestualmente si dimostra incapace di mettere in campo un progetto serio per la realizzazione del nuovo modello di sviluppo; di tutelare il diritto al lavoro dei sammarinesi attraverso un concreto piano per l’occupazione; di adottare provvedimenti specifici a sostegno della famiglie più disagiate; di mettere in sicurezza il settore bancario con una governance autorevole e credibile; di avviare un processo di riduzione della spesa pubblica colpendo in particolare quella improduttiva.
Si deve fare molto, molto di più. Per questo il Psrs ritiene necessaria ed urgente una svolta sul piano politico da condividere con le rappresentanze consiliari, le forze sociali ed economiche e i settori della società civile disponibili a portare avanti un percorso virtuoso che abbia tre priorità assolute: il risanamento dei conti pubblici, il rilancio economico e la giustizia sociale.
Non è più il tempo di divisioni e di scontri, che tendono a privilegiare gli interessi di parte sul bene comune. E’ indispensabile che la politica ritrovi unità di intenti e coesione nazionale. Il Psrs non si tirerà indietro e farà la propria parte senza tentennamenti, in quanto solo in questo modo si potrà salvare la nostra Repubblica dall’attuale declino.
Repubblica di San Marino, li 9 maggio 2012
Ufficio Stampa PSRS

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy