San Marino. Sammarinesi all’estero, l’Aser New York e Detroit: ‘Dai politici solo promesse’. La Serenissima

SAN MARINO. La Serenissima pubblica la lettera dell’Aser di New York e di Detroit, nella quale l’associazione di Sammarinesi lamenta le tante promesse non mantenute. 

La Serenissima: Lamentate le tante promesse non mantenute su voto, cittadinanza, passaporti e Museo dell’Emigrante / “Caro Santo Marino, fa che i politici sospendano la Consulta e i soggiorni culturali” / L’Aser di New York e Detroit interviene per ribadire che non sono in cerca di “vacanze pagate” 

SAN MARINO. Riceviamo e pubblichiamo:

“Caro Santo Marino, siamo un gruppo di cittadini sammarinesi fuori dalle organizzazioni che fanno parte della Consulta dei cittadini sammarinesi residenti all’estero e vogliamo portarti a conoscenza di realtà diverse da quelle che vengono esposte in Consulta. Innanzi tutto ti chiediamo scusa se questi nuovi dirigenti non hanno continuato a dare a Te, i dovuti onori, come nel passato, ritenuti doverosi con la celebrazione insieme alle autorità, della Santa Messa in Basilica come apertura ai lavori della Consulta. Perché è stata cancellata questa tradizione? Abbiamo sentito e letto, tramite i giornali dopo l’ultima riunione della Consulta il solito ritornello, tanto da parte dei politici quanto da parte dei rappresentanti delle Comunità, ma nulla di concreto sulla unificazione del popolo sammarinese nei suoi diritti, anzi caro Santo Marino ci sembra che oggi chi è al governo, e non solo loro, ma la maggior parte di chi fa politica, faccia solo promesse, ma nella realtà nulla gli importa”. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy