San Marino. Sanità, “senza stipendio 40 famiglie sammarinesi ma si attinge personale straniero”

“Questo governo non ha rimpianti a lasciare senza stipendio quaranta famiglie sammarinesi e attingere personale straniero (si dice dai paesi dell’est)”.

È questo il giudizio dell’associazione Salute Attiva, che a San Marino sostiene e rilancia le posizioni di critica alla vaccinazione anti Covid e alla gestione della pandemia, degli emendamenti apportati in Consiglio all’ultimo decreto in tema di Covid.

“Il decreto 182/2021 sull’emergenza Covid – scrive l’associazione – non riporta sostanziali novità e questo è un problema visto che con la campagna vaccinale ci avevano promesso libertà assoluta. La sensazione invece, e questo noi lo stiamo ripetendo da aprile, è che si stia andando verso un inverno non dissimile dagli altri. Vaccinati e non vaccinati si contagiano e contagiano in maniera simile, anche i ricoverati appartengono indistintamente alle sue categorie”. Il riferimento è ad “un cluster in un reparto del nostro ospedale che ha colpito persone vaccinate tra le quali anche i sanitari”.

“Alla luce di tutto questo – si legge ancora – e alla luce di una sanità pubblica allo sfascio, appare ancora più incomprensibile il provvedimento di lasciare a casa i sanitari sammarinesi e sostituirli con sanitari stranieri che godrebbero addirittura di un contratto a tempo indeterminato”.

Il riferimento è all’articolo 3-ter del decreto che autorizza l’Iss alla “emanazione di bandi di concorso internazionali per l’assunzione a tempo indeterminato di personale sanitario e socio-sanitario anche qualora nelle liste di avviamento al lavoro vi sia personale in possesso di qualificate competenze per i relativi profili di ruolo”.

Questi nuovi innesti andrebbero a coprire in parte i posti dei sanitari lasciati a casa in quanto non vaccinati, come previsto dal decreto 97 del 1° giugno 2021.

“Questo governo – attacca l’associazione – non ha rimpianti a lasciare senza stipendio quaranta famiglie sammarinesi e attingere personale straniero (si dice dai paesi dell’est). Pensiamo, in questa scelta incomprensibile, anche a tutti i nostri figli che attualmente stanno facendo corsi di studio in medicina o scienze infermieristiche che alla loro laurea dovranno forse andare a lavorare in Moldavia o in chissà quale paese. Del resto nessuno è profeta in patria!”.

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
Puoi usare Paypal cliccando qui: paypal.me/libertas20
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
SM78R0606709802000020148782
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy