San Marino. Sciopero della fame, dipendente Delta

La questione Delta continua a premere sulle coscienze anche a San Marino anche dopo il dramma Mario Fantini.

La durezza con cui sono stati  trattati i dipendenti del Gruppo Delta, in fase di commissariamento,  era  già, crudelmente,  emersa.

Ebbene  l’accanimento continua. Lo si evince dalla seguente lettera  scritta da un dipendente del Gruppo Delta a una cerchia di persone direttamente coinvolte nella  amara vicenda.

“Stanco del continuo tergiversare, dei giochi e giochetti di cui evidentemente qualcuno è maestro, tanto che siamo stati portati ad una guerra tra poveri, oggi il nostro destino dipende dai colleghi di 16banca, Vi informo che riprendo nuovamente lo sciopero della fame, che intendo portare avanti ad oltranza finchè non si avvererà quanto più volte promesso e ad oggi non mantenuto. Liberi di viverla come volete ma, come anticipato nei giorni scorsi, ho degli ideali su cui non transigo e sono, a tutti gli effetti, una persona cui è dovuto rispetto”.

Firmato: Piero Ceriani, RSA Bentos Assicurazioni S.p.A.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy