San Marino. Scuola, “uso pericoli e potenzialità della tecnologia”

Scuola, “uso pericoli e potenzialità della tecnologia”

All’indomani dell’intensa Didattica a distanza adottata per fronteggiare l’emergenza, un’istanza che chiede il divieto degli strumenti tecnologici personali all’interno delle scuole

Oggetto: Scuola, educazione e tecnologia. Questo è il titolo dell’Istanza d’Arengo n. 5 presentata il 5 aprile ai Capitani Reggenti, la domenica successiva al loro insediamento. Un oggetto che sembra muoversi nella direzione che ha inaspettatamente preso l’insegnamento anche a San Marino negli ultimi mesi, ma che in realtà, come vedremo, va in altra direzione. Nel testo dell’Istanza si fa presente che viviamo “in un momento storico in cui gli apparecchi tecnologici stanno diventando sempre più di uso quotidiano, soprattutto tra i giovani, creando a volte vere e proprie dipendenze”. D’accordo sul discorso delle dipendenze da tecnologia – basti guardare l’esempio dei social – ma è anche vero che una volta tanto l’invadente presenza di computer e smartphone ha contribuito in maniera determinante a dare ai ragazzi una continuità didattica. (…)

Tratto da L’informazione di San Marino

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy