San Marino: si allontana l’approdo in Aula della riforma fiscale

Si fa sempre piu’ ripida la strada che dovrebbe condurre la riforma
tributaria nel prossimo e ultimo Consiglio grande e generale della
legislatura
.

Ne parla l’Agenzia Dire-Torre1

 

Cosi’ la posizione del capogruppo dei socialisti e democratici, Claudio
Felici, appare un perentorio aut-aut: “O c’e’ condivisione generale
sulla riforma tributaria-
sintetizza- o fare forzature e’ pericoloso”.
Parole che fanno in sostanza desistere a procedere anche i sostenitori
piu’ convinti, Ap e Pdcs.
A rappresentare il primo partito del Patto,
nell’incontro di oggi, e’ Teodoro Lonfernini
che ne riassume le
conclusioni: “Upr, Su, Moderati e socialisti chiedono di portare
all’esame solo stralci della riforma che, per noi, e’ invece
indispensabile in toto”. Mentre da parte dell’asse con il Psd “c’e’
ancora confusione”, chiosa. Prima di arrivare alla decisione finale di
inserire o meno all’ordine del giorno la riforma, che sara’ presa
venerdi’ dall’ufficio di presidenza,
si susseguiranno altri incontri tra
Dc-Ap-Ns e Psd per dipanare le nebbie.
Ma alla fine dei conti, “non vogliamo trovarci- conclude Lonfernini- di fronte a guerre
puniche
nel Consiglio dello scioglimento”. Parole che suonano come preludio
alla resa. Anche il capogruppo di Alleanza popolare, Roberto Giorgetti,
respinge l’ipotesi di approvare solo
stralci di riforma
:
“Tecnicamente non si puo’ fare, salterebbero fuori solo dei pastrocchi”.
Sarebbe quindi opportuno, ribadisce, portare in Aula la riforma intera,
“ma se proprio non la si vuole fare- ammonisce- ognuno si prendera’ le
sue responsabilita’”.

 

Leggi Agenzia Dire-Torre1

 

 

Ascolta il giornale radio di oggi

Oggi i Giornali parlano di…

Webcam Nido del Falco

Meteo San Marino di N. Montebelli

Vignette di Ranfo

Accadde oggi, pillola di storia

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy