San Marino. Sindacato della Reggenza respinto, Rete esprime soddisfazione

Il Movimento Rete commenta la notizia del pronunciamento del Collegio Garante in merito al sindacato della Reggenza.

“Apprendiamo che, in data odierna, il Collegio Garante della Costituzionalità delle Norme si è pronunciato in merito all’azione di sindacato promossa nei confronti degli ex Capitani Reggenti Alessandro Mancini e Grazia Zafferani. Tramite la sentenza n. 5 del 2021 i Garanti hanno rigettato interamente tutti i diciassette addebiti che erano stati contestati alle Loro Eccellenze.

Il Movimento RETE non può che esprimere soddisfazione per l’esito di questa vicenda che, politicamente, ha rappresentato l’ennesimo tentativo di contrastare un percorso di giustizia e di rinascita del Paese.
Non vogliamo addentrarci nel merito di provvedimenti giudiziari, ritenendo che potere politico e potere giudiziario viaggino su percorsi vicini ma paralleli. Siamo sempre comparsi, sotto ogni veste, dinnanzi all’autorità giudiziaria e continueremo a farlo, portando, nella maniera adeguata e legittima le nostre ragioni e motivazioni e, in caso, continueremo a farlo.

Preso atto dell’ennesimo provvedimento che sancisce la distanza degli esponenti del Movimento RETE dalla falsa e malevola rappresentazione della realtà che viene costantemente narrata, attendiamo rispettosamente le future pronunce del Collegio Garante della Costituzionalità delle Norme”.

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy