San Marino. Sinistra Socialista Democratica: ‘È il tempo della chiarezza’

Il percorso di Sinistra Socialista Democratica  va avanti e verrà
sostenuto con energia e entusiasmo, in coerenza con il percorso compiuto in questi mesi da PSD, SU e LABDEM.

In risposta alla nostra proposta unitaria di grande coalizione è giunta la controproposta del PDCS che, senza tenere in considerazione in alcun modo i contenuti, punta ad un accordo esclusivo fra PDCS, PS e, inevitabilmente, non più SSD, ma il solo PSD. Numerose componenti di SSD, infatti, non possono accettare una proposta che non solo lede la dignità di tutti quei compagni disponibili al dialogo sul piano della parità delle condizioni, ma in realtà appare un chiaro tentativo di restaurazione, riproponendo le inaccettabili logiche degli anni novanta.  Purtroppo, la scelta sbagliata fatta da alcuni compagni del direttivo del PSD – peraltro ribadita nuovamente anche nella riunione di ieri sera – di assecondare la proposta del partito di maggioranza relativa ha determinato fortissime tensioni e disorientamento nel popolo della sinistra, facendogli vivere il dolore di chi vede per l’ennesima volta i riformisti soccombere all’iniziativa politica degli avversari. Siamo però certi che col tempo la consapevolezza potrà riemergere. Nel frattempo, però, non possiamo consentire che il patrimonio politico, ideale e culturale, della sinistra sammarinese venga demolito. SSD può e deve essere il baluardo di una nuova stagione politica, puntando con determinazione sul cambiamento, sull’innovazione, sulle riforme e interpretando in modo corretto le istanze di discontinuità provenienti da ampie sfere della società civile.

Leggi il comunicato

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy