San Marino. ‘Smac obbligatoria adesso’, Csu: domani manifestazione davanti a Palazzo Begni

Domani alle 17.00 davanti a Palazzo Begni, la Centrale Sindacale Unitaria, in occasione dell’incontro con il Governo, chiama a raccolta tutti i lavoratori, i pensionati e i cittadini in generale per ribadire la necessità dell’applicazione dell’obbligatorietà della Smac a partire dal 1° gennaio 2015, come sanciscono la legge e i decreti e per esprimere il proprio dissenso sull’emendamento del Governo che ha abbassato l’indennità di malattia.

Il nostro interlocutore è il Governo, ha sottolineato la CSU, perché sono lo stesso Esecutivo e la sua maggioranza che devono garantire il rispetto delle legge e dei decreti che hanno sancito l’obbligatorietà della Smac dal 1° gennaio 2015. Si sta tentando di creare artificialmente un conflitto tra lavoratori e commercianti; ma il sindacato non è nemico dei commercianti, ha puntualizzato con chiarezza la CSU. “Siamo invece nemici degli evasori, che è tutta un’altra cosa”.

A questo tentativo di creare conflitto ha contribuito in modo decisivo la maggioranza di Governo; mentre ha negato il confronto con la CSU sulla finanziaria 2015 e su alcuni emendamenti particolarmente inaccettabili, tra cui quello che ha abbassato in maniera significativa l’indennità di malattia (altro tema della conferenza stampa di questa mattina), l’Esecutivo ha accolto la richiesta delle categorie dei commercianti di incontri sulla riforma tributaria e sulla Smac, quando non c’è nulla da mettere in discussione, essendo la legge e i decreti molto chiari e già entrati in vigore. (…)

Leggi il comunicato Centrale Sindacale Unitaria




Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy