San Marino, stazione sciistica improvvisata. Patrizia Cupo, Corriere Romagna San Marino

Patrizia Cupo, Corriere Romagna San Marino:  SEPOLTI DALLA NEVE: SAN MARINO. Polizia e gendarmi di pattuglia per multare gli “sciatori” incoscienti. Telefonate di protesta degli automobilisti / Sorpassi in sci alle auto in corsa /  E’ l’ultima follia in video. Ieri 16enne con il bob contro una macchina. E con lo snow board tra i cunicoli del centro a pochi centimetri dal precipizio 

SAN MARINO. Sorpassi azzardati sugli sci alle auto in strada, gare di snow board e scivolate a pochi centimetri dalle mura, dove la neve raggiunge il pericoloso livello dei merli e dove, sotto, c’è solo il precipizio. Eccoli i folli della neve a San Marino che si filmano e mettono il video dei loro rischiosi giochi su Youtube: martedì pomeriggio, un 16enne è finito in Pronto soccorso all’ospedale di Stato dopo essere finito col bob contro un’auto in sosta (per lui, una costola fratturata e 15 giorni di prognosi). Per contrastare il fenomeno, polizia civile e gendarmeria hanno messo sulle strade pattuglie ad hoc per fermare e multare i meno coscienziosi. Non si usano gli sci sulla superstrada, non si fa snow board sulle contrade del centro storico che si affacciano sul nulla: troppo pericoloso. Ma il peggio è già accaduto: la 31enne di Montegrimano ricoverata in gravi condizioni sabato notte al Pronto soccorso di Cailungo e poi spedita, per la pericolosa emorragia cerebrale, al “Bufalini” di Cesena (dove è uscita dal coma solo l’altro ieri), stava proprio divertendosi con gli amici nello stesso modo: una discesa col bob tra le vie innevate del Titano, in piena notte. Nessun presidio di sicurezza a tenere a bada le folli corse in sci: d’altronde, per quanto magica sia l’atmosfera di strade rese inesistenti dalla coltre di ghiaccio, la consolare non si può dire certo un impianto sciistico. Ma a guardare l’ultimo video messo on line (San Marino ski 2012) da un gruppo di impavidi, c’è da rimanere gelati: sorpassi sugli sci alle auto in transito, e azzardate corse tra i cunicoli del centro storico a pochi centimetri dal precipizio, e dove basterebbe un piccolo crollo a seppellire i folli in snow board. Sui social network proliferano gruppi di appassionati che propongono, organizzano e filmano discese nei punti più improbabili del Monte, come lo slalom lungo la Costa d el l’Arenella. C’è chi propone mappe dettagliate di piste con diversi gradi di difficoltà e non mancano lo slogan a pubblicizzare la pericolosa pratica: da “snow borg” a “street skiing”. La funivia – come un moderno ski pass – negli ultimi due giorni ha portato su in centro storico decine di ragazzi che vogliono tentare l’improvvisata discesa. Ma non mancano le polemiche: diverse le telefonate degli automobilisti giunte già alla centrale di polizia civile e gendarmeria per segnalare gli “sciatori” di Città. E la polizia ricorda e avverte: «Le strade non sono piste da sci, è vietato e pericoloso: non solo cadute ma anche schianti contro oggetti nascosti dalla neve, tutto può creare pericolo»

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy