San Marino. Strappo nella Dc. Pier Roberto De Biagi, NQ Rimini San Marino

Pier Roberto De Biagi di  NQ Rimini San Marino (www.nqnews.it):  E alcuni consiglieri di lungo corso o appena candidati potrebbero essere tentati da un’avventura esterna /
Strappo nella Dc, Podeschi non si ricandiderà /
Reggente designato Teodoro Lonfernini con 16 voti, contro i 7 di Claudio Muccioli

SAN MARINO – Mentre giovedì
sera, nelle sedi canoniche, la DC
devota celebrava il rito dell’approvazione di 46 candidature
per le prossime elezioni, da altre
parti sembra che ci fosse chi concordava
lo strappo e delineava
una sorta di exit strategy, non
certo indolore benché politicamente
dissimulata. Non figure
di secondo piano. Tutt’altro!
Gatti senior, Podeschi, Ministro
della Sanità, Nadia Ottaviani,
esponente di Arengo e Libertà. E
non solo loro. Della DC Gatti
non sarà più candidato e, a dar
credito a chi gli è vicino (e conoscendone
l’indole), non sarà certo
indulgente con il partito di cui
è stato leader e difficilmente si
prodigherà per farlo votare. Anzi,
qualche avvertimento in senso
opposto già sembra averlo inviato.
Podeschi invece, almeno
fino a ieri, rimaneva un mistero
tutto da scoprire, anche se la sua
decisione, in queste ultime ore,
dovrebbe averla maturata: non si
candiderà. E non verrà probabilmente
lasciato solo da chi, consiglieri
di lungo corso o candidati
appena designati, potrebbe essere
tentato da un’avventura esterna
a una DC ormai a rischio tracollo,
orfana sì delle sue figure
storiche (Galassi compreso), ma
dei loro voti soprattutto. L’imposizione, poi, di candidature
indigeste, sospette, se non sacrileghe
di qualche “indipendente”,
all’ombra di un simbolo che richiama
storia e valori di un certo
carattere, fa il resto. E, come prima
conseguenza, porta alla designazione
a Capitano Reggente di
Teodoro Lonfernini – Presidente
del Partito – con 16 voti, contro i
7 di Claudio Muccioli (per il Psd
designata Denise Bronzetti).
Un’ulteriore flessione di consensi
la produrrà poi la Ottaviani se,
ad ultimatum respinti, con
Arengo e Libertà sceglierà dislocazioni
diverse, magari a fianco
del neonato PSS. Al quale peraltro
– dopo lo smacco subito, per
conto terzi, per mano di un ancor
amletico PSD – sembra guardare
con interesse, in termini di
coalizione, la stessa UpR. Cosicché
pare sempre più elevato il rischio
che proprio la DC resti con
il classico cerino in mano e con a
fianco una coalizione esitante e
di cartapesta, anche per quella
relazione della Commissione
consiliare d’inchiesta che incombe
e che – lo si voglia o no – si
porterà addosso il suo carico di
intrecci tra esponenti dei due
principali partiti sammarinesi e
la malavita organizzata e, quindi,
ineluttabili implicazioni politiche
ed elettorali
.

 Leggi Fibrillazioni nella Dc. I giornali

 

 

 

ASCOLTA IL GIORNALE RADIO DI

OGGI

OGGI I

GIORNALI PARLANO
DI

Webcam
Nido del Falco

Meteo San
Marino di N. Montebelli

Vignette

di Ranfo

Accadde oggi, pillola di
storia

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy