San Marino. Tangentopoli sammarinese, magistrati a Milano per interrogare avvocato di Phua. L’informazione

Antonio Fabbri – L’informazione di San Marino: Tangentopoli, magistrati del Titano in trasferta a Milano

Proseguono le indagini sulla Tangentopoli sammarinese-conto Mazzini e la settimana scorsa, venerdì, i Commissari della legge Alberto Buriani e Simon Luca Morsiani sono andati in trasferta a Milano per un interrogatorio. E’ stato sentito come testimone l’avvocato Giovanni Lega, legale in Italia dell’ex ambasciatore non residente di San Marino in Montenegro, Paul Phua, e avvocato pure di Petros Stathis, facoltoso uomo d’affari greco. Entrambi in rapporti con Claudio Podeschi, secondo le indagini dei magistrati sammarinesi. Nulla trapela sui contenuti dell’interrogatorio, ma molto probabilmente al centro dell’indagine ci sono i rapporti tra vari soggetti che hanno pure gravitato nell’ambito del corpo diplomatico sammarinese oltre a movimentare i loro soldi, come sostiene l’accusa, attraverso il Titano. L’indagine sammarinese quindi, continua a intrecciarsi con mezzo mondo. Secondo quando già emerso fu proprio il greco Stathis a presentare Phua a Claudio Podeschi. Sempre Stathis fu quello che si adoperò per fare uscire il pokerista ex ambasciatore da Macao, dove a giugno 2014 era stato arrestato per le scommesse illegali legate ai mondiali.

Di lì volò a Las Vegas dove proseguì
con le scommesse e venne arrestato di nuovo
un mese dopo. Nelle intercettazioni dell’Fbi risulta
che Stathis era in stretto contatto con il figlio di
Phua, Darren, quando questi era agli arresti a Macao.
Nelle intercettazioni agli atti dell’indagine del’Fbi c’è
questa frase: “Fammi sapere tramite messaggio se c’è
bisogno di attivare il primo ministro o il ministero
degli affari esteri di San Marino.”

(pubblicato per intero il 21 febbraio)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy