San Marino. Tangentopoli sammarinese: Mauro Chiaruzzi si chiama fuori. L’informazione di San Marino

Antonio Fabbri – L’informazione di San Marino: Tangentopoli e viaggio in Russia Mauro Chiaruzzi si chiama fuori / L’ex consigliere conferma che la trasferta ci fu nel periodo in cui era di dominio pubblico il dibattito sul casinò, ma afferma che quell’incontro non ebbe seguito e rigetta “allusioni” su presunte tangenti che possano riguardarlo

Dopo le perquisizioni in Italia nell’abitazione e nell’ufficio di Giuseppe Roberti, uno dei principali indagati dell’inchiesta sulla tangentopoli sammarinese-conto Mazzini, era emerso come, tra le carte sequestrate, fosse stata rinvenuta anche documentazione relativa ad un viaggio in Russia effettuato nel 2004 al quale erano presenti Fiorenzo Stolfi, Claudio Podeschi, Giovanni Lonfernini e Mauro Chiaruzzi. Proprio quest’ultimo, oggi fuori dall’agone politico e direttore del servizio farmaceutico dell’Iss, si chiama fuori da quelle che definisce “allusioni” circa presunte tangenti.

Chiaruzzi, che all’epoca dei fatti era segretario del Partito socialista, conferma che il viaggio in Russia ci fu e che si parlò di Casinò con soggetti armeni. Quell’incontro, tuttavia, non ebbe alcun seguito e, afferma Chiaruzzi, lui non incontrò più i soggetti armeni.

Il fatto che ci fosse stato quel viaggio, oggi quindi confermato da Chiaruzzi, emergeva da un documento sequestrato dai magistrati tra le carte di Roberti. Un documento, nel quale si impegnava il governo sammarinese a legiferare in linea con gli interessi economici dei partner stranieri in materia di telecomunicazioni, giochi della sorte, hotel di lusso. (…)

Leggi l’intero articolo pubblicato il giorno successivo

Mauro Chiaruzzi

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy