San Marino. Trasporti verso il centro storico, critica l’Usc: “Lo chiamano servizio quando servizio non è”

“In merito all’argomento “navette circolari” siamo contrariati e delusi da questa gestione e da chi ha voluto e deciso di continuare con il solito modus operandi”.

È la posizione dell’Unione Sammarinese Commercio e Turismo che in una nota critica le scelte in merito ai trasporti verso il centro storico di San Marino.

“Dopo mesi di impegno e incontri – scrivono i commercianti – Usc ha elaborato proposte, documentabili, con l’unico intento di offrire un adeguato servizio agli operatori economici, agli utenti residenti e ai turisti.

Segnalazioni e proposte che toccano diversi ambiti, quali: servizi igienici da monitorare attentamente per il futuro, incuria dei percorsi pedonali, stato di “abbandono” dei locali sfitti, cartellonistica o segnaletica nei siti Unesco da rivedere e aggiornare, mobilità e trasporto da concretizzare una volta per tutte”.

In merito alla mobilità e al trasporto Usc spiega che “la proposta, tra l’altro condivisa e apprezzata dalle Segreterie al Lavoro, Territorio, Turismo, Dipartimento Finanze, AASS e Università, verte a servire, mediante due navette circolari, i due siti Unesco di Borgo Maggiore e San Marino città passando anche dalla sottomontana e Murata.

Una sorta di “metropolitana” di superficie, con orari di inizio e fine corsa, ad esempio dalle 8:00 alle 20:00, fruibile tutto l’anno e a disposizione di chiunque abbia la necessità di spostarsi o raggiungere i castelli sopra citati con l’intento di evitare anche il sovraffollamento di auto nei parcheggi.

Non chiediamo niente di straordinario – aggiunge Usc – ma a quanto pare le cose semplici e di buon senso sono le più difficili da far capire o da attuare. Si continua a prediligere il solito “servizio”, che servizio non è, che si attiva solo nei giorni e nei mesi di maggior affluenza e senza nessuna indicazione di orari di inizio e fine “servizio”.

Ancora una volta – è la critica – si è scelto di continuare ad alimentare malumori, diatribe e disservizio che si stanno protraendo già da troppi anni. A chi giova?

In merito all’argomento “navette circolari” siamo contrariati e delusi da questa gestione e da chi ha voluto e deciso di continuare con il solito modus operandi.

Di certo, non ci fermeremo, continueremo a collaborare e dialogare con chi ha come primo obbiettivo il bene di questo Paese, il suo sviluppo che passa anche attraverso servizi degni di questo nome offerti ai residenti, agli operatori economici e ai graditi turisti che vorranno visitare la nostra Repubblica” conclude la nota.

 

 

 

 

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy