San Marino. Truffa alla previdenza svedese, condanna a 5 anni

Riciclaggio di denaro frutto di truffa alla previdenza svedese, condanna

ANTONIO FABBRI – Una truffa colossale ai danni della previdenza svedese e i denari finiti sul Titano. Ieri la conclusione del processo che ha visto una assoluzione e una condanna. Imputati erano Michele Furlan, un 36enne originario di Trieste ma residente a Malta e Sara Louise Heléne Johansen Gergeo, 37enne svedese. L’accusa era di avere ostacolato l’accertamento dell’origine illecita dei fondi che erano stati secondo l’accusa occultati su un conto corrente aperto presso Banca Cis. Il denaro è stato ritenuto frutto di diversi reati tra i quali una truffa milionaria ai danni, appunto, della previdenza svedese. (…)

Al termine delle arringhe, nel tardo pomeriggio di ieri, il giudice Alberto Buriani si è ritirato in camera di consiglio. Quindi ha emesso sentenza: assolto, perché non consta abbastanza della colpevolezza sul dolo, Michele Furlan. Condanna a 5 anni, invece, a carico di Sara Louise Heléne Johansen Gergeo. Condanna anche a 45mila euro di multa e alla confisca del denaro riciclato, di cui 1.450.000 euro già sotto sequestro. Possibile l’appello.

Articolo tratto da L’Informazione di San Marino

Leggi l’articolo integrale di Antonio Fabbri pubblicato dopo le 23

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy