San Marino. Un libro su Pietro Franciosi. Domenica presentazione a Domagnano

Sarà presentato domenica 10 aprile alle ore 17 presso la sala Montelupo di Domagnano il libro Pietro Franciosi maestro di vita democratica realizzato da Laura Rossi e Verter Casali, cultori e studiosi di storia sammarinese.

L’opera, edita a cura della Fondazione XXV Marzo ed inserita negli eventi per i 25 anni dalla sua creazione avvenuta per volontà della Cooperativa Titancoop nel 1997, sarà distribuita in collaborazione con la Società Unione Mutuo Soccorso che provvederà a fornirne copia ai suoi soci: una sinergia fra due istituzioni che dall’opera di Pietro Franciosi hanno tratto origine e sviluppo. Fondazione XXV Marzo è sorta grazie all’esperienza della cooperazione e ha preso nome dallo storico Arengo del 25 marzo 1906: di entrambi, Franciosi è stato ideatore e artefice a San Marino nei primi anni del Novecento; SUMS lo ha avuto come Presidente per ben 22 anni, dal 1895 al 1917, durante i quali ha gestito la Società con tutto il suo spirito riformistico, organizzando fra l’altro associazioni, cooperative, leghe di mestiere che, in assenza di normativa pubblica, provvedevano all’assistenza, alla mutualità e alla previdenza dei soci.

Oggi, per lo più, a Pietro Franciosi è attribuito il merito di essere stato il primo propugnatore dell’Arengo del 25 marzo 1906 e di essere, assieme a Gino Giacomini, uno dei padri storici del socialismo sammarinese. Ma non si deve dimenticare che è stato anche un insegnante del nostro  Liceo Classico; uno studioso conoscitore della storia del paese; un uomo ancorato ai valori dell’Ottocento che, imbevuto di umanitarismo e positivismo, si è dimostrato sempre aperto al nuovo e al cambiamento; un intellettuale poliedrico, dai molteplici interessi, in corrispondenza con un’estesa rete di intellettuali di livello pari o superiore a lui; un organizzatore, a San Marino e nel circondario, di associazioni operaie; un tessitore di piccole azioni quotidiane, che miravano a trasformare pacificamente la società. Per la piccola Repubblica ha rappresentato una fondamentale figura di passaggio dal vecchio al nuovo, un traghettatore dal conservatorismo alla modernità, uno degli uomini che hanno contribuito a dare forma e sostanza alla creazione dello Stato attuale.

Nella consapevolezza che la figura di Pietro Franciosi, per certi versi piuttosto mitizzata, possa ancora oggi interessare e costituire un fulgido esempio di cittadinanza attiva, è sembrato perciò opportuno ai due autori ricostruire la sua vicenda personale con l’obiettivo di farla meglio conoscere, specie alle giovani generazioni. L’intera esistenza del professore è stata ripercorsa attraverso una ricerca basata su fonti archivistiche e documentarie; lo spoglio degli articoli comparsi sulla stampa locale e del circondario ha consentito di ricostruirne il pensiero e la dimensione politica; l’analisi di una parte delle sue opere e della sua biblioteca ha inteso mettere in rilievo il ruolo di intellettuale che, svolto da Franciosi nella società a lui contemporanea, si riverbera oggi attraverso la sua raccolta documentaria conservata presso la Biblioteca pubblica di Stato. All’Istituto e alla famiglia Franciosi vanno i ringraziamenti degli autori, di Fondazione XXV Marzo e di SUMS per la collaborazione prestata.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy