San Marino, Unas. Modifiche alla legge sull’imprenditoria giovanile per rilanciare l’occupazione

Unione Nazionale Artigiani della Repubblica di San Marino ha inviato oggi alla Segreteria di Stato Industria ed Artigianato una lettera relativa ad una proposta avanzata per una modifica temporanea alle Legge a sostegno di nuova imprenditoria giovanile e femminile (134/1997) quale ipotesi di facilitazione alla nascita di nuove imprese innovative sammarinesi e contemporanea soluzione potenziale per donne ed ultracinquantenni disoccupati che volessero trovare un supporto nell’avvio di una propria attività imprenditoriale.

La legge a sostegno di nuova imprenditoria giovanile e femminile per
ambire ad un supporto prevede la contemporanea presenza di tre
requisiti: avviare un nuovo progetto, essere innovativi ed avere non più
di 35 anni (42 per le donne).
Se l’impianto normativo non può
derogare all’avvio di un nuovo progetto, ovvero di un progetto
innovativo secondo quanto disposto dalla legge e dal regolamento, in
attesa di una riforma più completa di questo strumento normativo, ci
parrebbe quanto mai opportuno soprassedere sul requisito dell’età, dato
che una nuova impresa che nasce è una giovane impresa a prescindere
dell’età del proponente e, soprattutto, una nuova impresa che nasce è
una ricchezza per il sistema ed una potenziale risposta occupazionale
per chi vorrà intraprendere questo percorso.

 

Leggi lettera Unas

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy