San Marino: verso le elezioni politiche col consenso di tutti

A comunicarlo alla Reggenza sono alcuni gruppi consiliari, guidati da Alleanza Popolare, che poco prima dell’arrivo della delegazione democristiana, presentano in blocco le dimissioni dall’aula parlamentare.
Ad ufficializzare l’atto sono AP, il Nuovo Partito Socialista, la Lista civica Noi Sammarinesi, i Popolari e Alleanza Nazionale. Una decisione assunta nella notte, in accordo con la dirigenza della DC, titolare del mandato esplorativo. Un gesto di chiarezza – spiegano – per spezzare una situazione di stallo politico che non poteva proseguire.
Alla Reggenza spiegano che queste loro dimissioni sono definitive e già ufficiali, quindi già operative, e chiedono di convocare un Consiglio Grande e Generale per provvedere a quegli aggiustamenti tecnici della legge elettorale sui quali già è stato presentato il progetto di legge in prima lettura. Di lì a poco è la delegazione democristiana ad incontrare i Capitani Reggenti. A loro comunica le dimissioni anche del proprio gruppo consiliare e, di conseguenza, la rinuncia al mandato. ‘Un atto di responsabilità verso il Paese – spiega il segretario Pasquale Valentini – che consentirà di fare la chiarezza necessaria da più parti invocata e che getta, contestualmente, le basi per la futura coalizione che si presenterà agli elettori’.
Sono salite poi a Palazzo Pubblico anche le delegazioni di Europopolari e PSD per comunicare, a loro volta, la decisione di dimettersi, così come Monica Bollini dei Sammarinesi per la Libertà.
Intanto i Capitani Reggenti hanno convocato d’urgenza, per questo, l’Ufficio di Presidenza chiamato a decidere data e ordine del giorno del Consiglio Grande e Generale
” (tratto da San Marino Rtv)
Dichiarazioni dei rappresentanti dei partiti al momento della consegna delle lettere di dimissione

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy