San Marino. Vigilanza nel finanziario? Meglio gli enologi. Gabriele Gatti

I contributi  dei magistrati, sammarinesi (Rita Vannucci) o non sammarinesi (Paolo Giovagnoli),  al libro  Mafie
a San Marino
, rendono manifesta la scarsità dei controlli messi in atto nella Repubblica di San Marino sul suo sistema finanziario che era arrivato a contare – l’ultimo nel 2009 – 72 ‘soggetti autorizzati’: dodici banche e sessanta tra finanziarie, fiduciarie, società di gestione, compagnie
d’assicurazioni.

In effetti lo aveva già detto, a modo suo,  Gabriele Gatti, Segretario di Stato alle Finanze prima di Pasquale
Valentini
, con buona pace dei vertici – di allora – di Banca Centrale della Repubblica di San Marino: fanno più controlli gli enologi del consorzio vini che non la vigilanza di BCSM.

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy