San Marino. ZTE, collaborazione per combattere l’epidemia

Zte: “Pronti a collaborare ancora per combattere l’epidemia”

Nei giorni scorsi ZTE, la compagnia cinese delle telecomunicazioni, nei giorni scorsi ha donato all’Iss tremila mascherine. Non solo. Si dice disponibile a collaborare per sostenere il piano per combattere l’epidemia. Ne parla l’amministratore delegato di ZTE Italia, Hu Kun.

Che materiale avete donato alla Repubblica di San Marino? “ZTE San Marino, da poco costituita come incorporated branch della Rsm di Zte Italia, ha donato 3000 maschere chirurgiche all’Istituto per la sicurezza sociale di San Marino. Diamo la nostra piena disponibilità a collaborare ulteriormente per sostenere il piano per combattere questa epidemia”.

Perché avete deciso di fare questa donazione? “ZTE, multinazionale che opera nella piena trasparenza, è quotata sia nella borsa di Shenzhen (000063.sz) che di Hong Kong (0763.hk). Ci siamo approcciati alla a San Marino offrendo le nostre migliori tecnologie ed i nostri migliori servizi fornendo il top dell’innovazione, con la possibilità di supportare la Repubblica nella crescita digitale e creare opportunità di sviluppo del business in questo Paese. ZTE collabora con il vostro governo fin dall’inizio del progetto, e il nostro obiettivo è quello di essere una responsabile impresa sammarinese, sembra perciò normale donare proprio contributo”.

Come state vivendo l’emergenza coronavirus? “Durante questa epidemia, come massima priorità abbiamo attuato tutte le misure essenziali per proteggere i nostri dipendenti. Sia ZTE che i suoi dipendenti hanno fatto innumerevoli sforzi per contribuire a combattere questa situazione che è senza precedenti. Seguiamo scrupolosamente ogni nuova richiesta del governo, e grazie alla digitalizzazione della nostra azienda, finora abbiamo gestito la nostra routine aziendale in modo efficace.”

Quale ruolo ha una azienda come la vostra in questa fase di emergenza? “Innanzitutto deve essere priorità assoluta e dovere dell’azienda tutelare la salute e la sicurezza dei propri dipendenti e seguire scrupolosamente le richieste del Governo. Ma si può fare anche di più per dare il proprio contributo alla società per la prevenzione dell’infezione. Grazie alla presenza globale di ZTE, riusciamo a donare i dispositivi medici più urgenti che possono aiutare a sostenere la battaglia anti-virus. Essendo fornitori di tecnologie, abbiamo anche supportato operatori telco a sviluppare velocemente diversi network come la rete 5G e il sistema di remote dialogue per supportare la crisi del Corona Virus.”

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy