Santarcangelo di Romagna. Walter Vicario (PDL): “Il Comune il vero colpevole per l’inefficienza scolastica”

Una buona scusa quella dei tagli, e’ ora di smetterla di utilizzare la
questione dei tagli per scaricare le responsabilita’ sparando cifre per
seminare terrorismo mediatico;

E’ giunto il momento, caro assessore Casadei, che l’amministrazione si
prenda
le proprie responsabilità cominciando proprio dalla scuola per esempio
quella
di Canonica (ricordando che l’attuale assessore Monica Ricci aveva le
deleghe
alla scuola anche nel precedente mandato):

la scuola materna di Canonica oggi poteva essere forse già stata realizzata
poiche’ la convenzione stipulata nell’anno 2007 fra comune e privati, nella
quale veniva ceduta al comune l’area di poco piu’ di 5000 mq dove poter
realizzare la nuova scuola materna di Canonica, dice testuali parole “le
aree
cedute gratuitamente al comune previste dalla presente convenzione dovranno
essere cedute e conseguentemente rogitate a semplice richiesta di
quest’ultimo”.

Pare che l’area invece sia stata rogitata solo nel 2010, ora io mi chiedo:

sono vent’anni ormai che le amministrazioni promettono la scuola a Canonica
e’
ora di finirla! Stai a vedere che la colpa di un malgoverno di anni e anni
a
Santarcangelo è di Silvio….
Tornando alla convenzione dal 2007 al 2010 sono passati circa 3 anni, tempo
nel quale la scuola materna a Canonica poteva essere tranquillamente
realizzata
anche perche’ caro assessore in quel periodo lo spettro dei
fantascientifici
tagli non c’era.

Si potevano evitare tutti i disagi che vivono le famiglie di Canonica che
hanno avuto la “brillante idea di mettere al mondo dei figli” o peggio che
hanno avuto l’idea di trasferirsi a vivere in una frazione priva di ogni
servizio, si perche’ quando i tagli non vi erano i servizi comunque sono
stati
negati anzi sono stati narrati come delle belle favole ogni volta che
l’amministrazione faceva il giro di visite nelle farzioni con le varie
giunte
che si improvvisavano degli ottimi cantastorie se pur improvvisati.

Il punto e’ che all’amministrazione della scuola non importa nulla se non
utilizzarla come propaganda contro il governo Berlusconi.
Due esempi di cio’ sono: la programmazione dell’edilizia scolastica
pressoché
inesistente e l’interrogazione della consigliera Antolini della
maggioranza,
all’ultimo consiglio comunale, dove la stessa esprimeva contrarietà al
regolamento comunale per assegnazione nidi;

Questo mette in evidenza la superficialità e la pochezza di questa e delle
passate amministrazioni e la continua carenza di posti.

In conclusione il Vostro motto, cara amministrazione, continua ad essere il
solito: prima si costruiscono le case poi semmai per iservizi vediamo se
rimane
qualcosa… oppure ci attacchiamo ai tagli di Berlusconi, ma si diamo la
colpa
a lui che faccimo prima…

Se fosse per me alle amministrazioni sprecone come la nostra altroche’
tagli
di 500 mila euro io non gli affiderei nemmeno 500 euro da gestire….

Vicario Walter Pdl Santarcangelo di Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy