Scattano divieti di balneazione: Bufera sulle analisi delle acque lungo la riviera di Rimini

Arpae fa i controlli, trova valori sopra i limiti e vieta i bagni in ventisei zone della costa. Il Comune di Rimini fa delle “verifiche” in sette punti: «Acque pulite». Convocato un tavolo.

ADRIANO CESPI – Da una parte l’Arpae (l’Agenzia per la prevenzione dell’ambiente dell’Emilia Romagna), dall’altra il Comune di Rimini. E in mezzo lo stato delle acque del mare Adriatico. Lungo tutta la costa riminese. Inquinate, secondo l’ente regionale, al punto che, ieri mattina, è stato emesso il divieto di balneazione a Goro (provincia di Ferrara), nel tratto di Pinarella di Cervia, e in altre 26 zone del Riminese, da Bellaria a Rimini, fino a Riccione, Misano e Cattolica. Pulite, e ben sotto il livello di soglia, per Palazzo Garampi. Ed è subito giallo. Con un interrogativo che sorge spontaneo: quali sono i dati giusti, gli esami puntuali? E quali, invece, quelli sbagliati? (…)

Articolo tratto dal Corriere di Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy