Secondo grado di giudizio per il caso della lettera anonima che destabilizzò la politica a San Marino

Secondo grado di giudizio per il caso della lettera anonima che destabilizzò la politica a San Marino

Rassegna stampa – Caso della lettera anonima che destabilizzò la politica, secondo grado di giudizio. Offesa al Reggente e a persone investite di pubblici poteri oltre alla calunnia le accuse contestate

ANTONIO FABBRI – Il caso, giunto ieri in appello davanti al giudice David Brunelli, è quello della lettera anonima che offendeva alcuni membri dell’allora Npr e il Reggente dell’epoca, Alessandro Mancini.

Finito a giudizio per offese alla Reggenza e a persone investite di pubblici poteri, Moreno Benedettini, che imbucò le lettere, in primo grado venne condannato a 10 mesi con pena sospesa. Rispondeva anche di calunnia perché all’epoca accusò di avere redatto quelle missive Iro Belluzzi la cui posizione fu però archiviata perché riconosciuto dal magistrato inquirente estraneo ai fatti.

Il difensore Filippo Cocco, assieme al collega Paride Bugli, ha chiesto l’assoluzione sostenendo non esserci la prova che le lettere siano state scritte dal suo assistito, essendosi sottoposto anche all’esame del Dna, risultando però negativo. “C’è quindi la prova positiva che quella lettera non è stata scritta dal mio assistito”, ha detto l’avvocato Cocco. Anche sulla calunnia ha sostenuto l’innocenza del suo assistito.

Di diverso avviso i legali di parte civile. L’avvocato Alberto Selva per Belluzzi ha chiesto la conferma della sentenza di primo grado. Stessa richiesta dall’avvocato Carlo Biagioli, difensore di Alessandro Mancini, e anche dall’avvocato Rossano Fabbri, per Denise Bronzetti, il quale ha affermato che non si sia voluti andare a fondo su chi “ha voluto screditare e condizionare la vita pubblica e politica di questo paese”.

Chiesto il rigetto dell’appello e la conferma integrale di primo grado anche dall’avvocato Simona Ugolini per l’Avvocatura dello stato, e dal Pf, Manuela Albani.

La decisione entro tre mesi.

Articolo tratto da L’Informazione di San Marino pubblicato integralmente dopo le 23

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy