Segreteria Interni: nessuna bandiera può essere posta al di sopra di quella della Repubblica

Segreteria Interni: nessuna bandiera può essere posta al di sopra di quella della Repubblica

SEGRETERIA DI STATO PER GLI AFFARI INTERNI

Nessuna bandiera può essere posta al di sopra di quella della Repubblica.

Varato il decreto che regolamenta l’esposizione del biancazzurro
e che abroga una legge risalente addirittura al 1936.

Per regolamentare quando e come la bandiera della Repubblica va esposta nelle pubbliche sedi, è stato emanato, su proposta del Segretario di Stato per gli Affari Interni, il decreto delegato 1° agosto 2012 n. 103, come previsto dalla Legge Costituzionale 22 luglio 2011 n. 1.
Solo da tale data è pertanto abrogata la Legge n.10 che risale addirittura al 1936 e che imponeva l’esibizione del vessillo nazionale anche nelle ricorrenze fasciste e lungo la linea ferroviaria San Marino – Rimini.
L’elenco delle festività è stato dunque aggiornato. La bandiera deve essere esposta all’esterno delle sedi pubbliche nelle feste nazionali ed il 4 giugno, data non festiva dedicata a San Quirino in cui ricorre l’anniversario dello sventato tentativo di Fabiano da Monte di invadere la Repubblica nel 1543.
La bandiera inoltre è esposta sulle auto dei Capitani Reggenti ed in ogni luogo in cui si tenga una cerimonia presenziata da Reggenza e membri di Governo.
Permane l’obbligo di esporre la bandiera sulla torre di Palazzo Pubblico quando è riunito il Consiglio Grande e Generale ed in occasione dell’Arengo semestrale e di visite ufficiali di Capi di Stato e di Governo stranieri. Il decreto stabilisce le regole per l’esposizione della nostra bandiera insieme a quella o a quelle straniere: al biancoazzurro è riservato il posto d’onore, a destra di quella ospite per chi guarda.
L’art. 4 precisa che “nessuna bandiera, vessillo, gonfalone o gagliardetto può essere posto al di sopra della bandiera della Repubblica di San Marino”.
Questo vale sia all’esterno che all’interno degli edifici, così negli uffici della Reggenza e degli altri organi istituzionali, come nelle sedi consolari e diplomatiche, come in convegni ed eventi ed in qualunque altra circostanza.
“Diversi cittadini hanno voluto esprimere la loro soddisfazione per gli interventi fatti a tutela e valorizzazione dei nostri emblemi statuali. Le nuove normative hanno superato quella ormai obsoleta sulla bandiera e le lacuna sullo stemma. – dichiara il Segretario Valeria Ciavatta – Per me è stato un grande onore poter intervenire su questa materia”.

San Marino, li 27 agosto 2012

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy