Sequestrato un ultraleggero immatricolato San Marino, a Viareggio dalla Gdf

La Nazione
Sequestrato l’aereo di un imprenditore lucchese
Esaminando la documentazione di bordo dell’aeromobile immatricolato a San Marino la Guardia di Finanza ha riscontrato il mancato rispetto del limite temporale di sei mesi della temporanea importazione nel territorio comunitario del velivolo
 Viareggio, 23 novembre 2010 – Un aereo ultraleggero, del valore di 55mila euro, è stato sequestrato per violazione degli obblighi di importazione dalla Guardia di Finanza di Lucca a un imprenditore locale, titolare di un’attività in Lombardia, che utilizzava l’areomobile durante la bella stagione per spostarsi dalla sua casa a Bergamo.
I finanzieri, allertati dalla sigla identificativa di San Marino notata sulla coda dell’aeromobile, hanno approfondito l’azione ispettiva, verificando il rispetto delle norme che ne disciplinano e legittimano la permanenza in Italia. Esaminando la documentazione di bordo dell’aeromobile immatricolato a San Marino è risultato il mancato rispetto del limite temporale di sei mesi della temporanea importazione nel territorio comunitario del velivolo (in quanto bene destinato all’uso privato iscritto in uno stato extracomunitario). 
La “schermatura” documentale smascherata nella circostanza dai finanzieri ha permesso di far emergere la reale disponibilità del velivolo, introdotto nel territorio comunitario senza averne assolto gli obblighi dell’iva.  Il pilota ed utilizzatore è stato denunciato alla procura della repubblica di Lucca per il mancato pagamento dell’Iva all’importazione (art 70 d.p.r. 633/72), punito dal testo unico sulle leggi doganali (art. 292 d.p.r. 43/73, ‘altri casi di contrabbando’), mentre per l’aeromobile, potenzialmente destinato alla confisca, è stato disposto il sequestro preventivo dall’autorità giudiziaria.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy