Solidarieta’ e sussidiarieta’: principi inscindibili per una scelta. Pdcs

SOLIDARIETA’ E SUSSIDIARIETA’: PRINCIPI INSCINDIBILI PER UNA SCELTA
(comunicato stampa)
Le critiche sollevate da più parti, per contestare la scelta del Governo di concedere all’iniziativa privata la gestione dell’asilo nido di Falciano, offrono l’opportunità per un intervento chiarificatore sul rapporto pubblico-privato, e sulla linea della Democrazia Cristiana.
Due principi cardine della Dottrina Sociale della Chiesa, alla quale il PDCS da sempre si ispira per operare il bene comune, sono la solidarietà e la sussidiarietà.
L’indissolubile convivenza di tali principi e le loro dialettica derivano direttamente dall’idea di uomo cui si fa riferimento: un uomo capace di esprimere se stesso e fare della propria iniziativa e dei propri talenti  una risorsa per la collettività; un uomo al quale, in condizioni di necessità, la collettività deve garantire sempre una dignitosa condizione di vita. In questa dialettica, e solo in essa, si risolve il rapporto tra pubblico e privato.
Storicamente, così è iniziata ogni opera educativa, ogni opera assistenziale, medica, e finanziaria: con l’iniziativa propria dell’uomo, orientata al servizio e al bene della collettività. Alle origini di ogni iniziativa c’è stato il bisogno di una persona, al quale un’altra persona (o più persone) ha risposto con un servizio offerto. Solo più tardi lo Stato ha assunto su di sé tali servizi, garantendoli e inizialmente sussidiandoli, ma poi finendo con l’appropriarsene anche quando non era necessario.
Ciò che è accaduto in Italia e a San Marino dal dopoguerra ai giorni nostri, dove si è giunti alla deriva di uno Stato paternalista, anche ad opera della spinta statalista delle correnti provenienti dal comunismo. D’altro canto, non si può negare, come le scelte dell’ultimo decennio, condotte dai governi di orientamento liberista-capitalista, abbiano portato spesso a liberalizzazioni che hanno implicato benefici particolari a discapito del bene della collettività.   
La scommessa è trovare una soluzione equilibrata che stia all’interno di questa dialettica. Non deve suscitare timore rendere all’iniziativa privata le proprie possibilità e capacità, quanto saperne orientare i profitti ed i benefici, non solo all’imprenditore, ma alla collettività tutta. E’ la scommessa su un nuovo modo di fare impresa, un’impresa etica. O meglio, è la scommessa di riportare a San Marino un modo di fare impresa già presente in certa misura sul panorama europeo e mondiale.  
    A questo proposito, il Partito Democratico Cristiano Sammarinese, si trova in pieno accordo con la scelta del Governo di consentire la gestione dell’asilo nido di Falciano all’imprenditoria privata. Tuttavia, proprio al fine di garantire un servizio educativo efficiente e l’autentica promozione del bene dei nostri bambini, richiede al Governo un’assegnazione trasparente nonché di sussidiare, per quanto necessario, l’agenzia educativa che otterrà l’appalto, affinché operi con la massima serietà e abbia credenziali e finalità che rendano un reale beneficio alla collettività.
                            L’Ufficio Stampa del PDCS
San Marino, 17 gennaio 2012

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy