Sostegno al governo di fronte agli attacchi esterni

L’ASSEMBLEA GENERALE del NUOVO PARTITO SOCIALISTA riunitasi in data 12 Maggio u.s., ha ascoltato, dibattuto ed approvato la relazione del Segretario del Partito.
L’ASSEMBLEA GENERALE ha espresso viva preoccupazione per gli ultimi accadimenti verificatisi nel settore bancario, che hanno coinvolto direttamente un istituto di credito sammarinese.
Sulla vicenda, mentre ritiene necessario attendere il corso della giustizia affinché ogni aspetto possa emergere con la dovuta chiarezza, esprime il più vivo disappunto per la rappresentazione manipolata e non veritiera formulata con ingiustificato accanimento dai mezzi di comunicazione italiani, in particolare e ultima in ordine di tempo, dalla trasmissione televisiva “Report”.
La realtà sammarinese è altra cosa, del resto non molto diversa da quella di altri stati, dove, accanto ad aspetti positivi esistono distorsioni che vanno decisamente corrette ma che non costituiscono la regola.
La volontà dell’attuale Governo, che ha ereditato situazioni molto complesse ed in alcuni casi emergenze vere e proprie, frutto della mancanza, almeno per un quinquennio, di una guida certa del Paese, è molto chiara e si è già espressa con atti concreti.
L’intenzione conclamata del Governo è infatti quella di eliminare le eventuali distorsioni presenti nel sistema San Marino, perseguendo la trasparenza della propria economia ed allineando la Repubblica alla comunità internazionale.
Su questa strada e fino a quando verranno compiuti atti conseguenti e concreti rispetto alle dichiarazioni d’intenti e agli impegni assunti di fronte agli elettori, l’apporto convinto e leale del NUOVO PARTITO SOCIALISTA alla attuale maggioranza non verrà certamente meno.
L’ASSEMBLEA GENERALE del N. P. S. ritiene molto sterile e poco credibile l’accusa di immobilismo mossa dall’opposizione. Infatti tutti ricordano l’atteggiamento tenuto dal passato Governo dopo gli avvenimenti legati ad Asset Banca: silenzi assoluti nei confronti dell’Italia, dichiarazioni dissennate nei confronti della Magistratura, tentativi maldestri posti in essere da massimi esponenti di Governo per frenare il corso delle rogatorie internazionali e della giustizia sammarinese.
In questo momento particolarmente delicato per il nostro Paese, sollevare polveroni con l’intento di rifarsi una improbabile verginità a buon mercato, risulta essere esercizio dalla credibilità praticamente pari allo zero, ma soprattutto perfettamente inutile.

L’ASSEMBLEA GENERALE invita il Governo a porre in atto in ogni sede le iniziative atte a tutelare l’immagine e i legittimi interessi di San Marino; ad operare al fine di salvaguardare il futuro della Cassa di Risparmio, Istituto di credito storico della Repubblica; di perseguire la strada della trasparenza e dell’allineamento alla comunità internazionale; di intensificare i rapporti politici e diplomatici con la Repubblica Italiana, consolidando i buoni risultati ottenuti dal Governo in pochi mesi e che nulla hanno a che vedere con vicende giudiziarie.

San Marino, 13 Maggio 2009

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy