Squinzi a San Marino: servono riforme per tornare a crescere. Anis

COMUNICATO STAMPA
Squinzi a San Marino: servono riforme per tornare a crescere
Le riforme quale indispensabile strumento per la ripartenza. È questo il tema su cui si sono confrontati, in mattinata, al Kursaal di San Marino, il Presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, il Presidente dell’ANIS Emanuel Colombini, i Segretari di Stato alle Finanze e all’Industria, Claudio Felici e Marco Arzilli, e il Direttore di Rtv, Carlo Romeo.
Numerosa la partecipazione da parte degli imprenditori e del mondo politico ed economico a questa tavola rotonda organizzata dall’Anis. Il Presidente Squinzi e il Presidente Colombini in questa occasione hanno visto confermata la propria visione sulle necessità dei reciproci Paesi in tema di riforme e di crescita. Analogo anche l’impegno – confermato anche in questa occasione da parte di ANIS e di Confindustria – a fare la propria parte per spingere i rispettivi paesi nella direzione della modernizzazione.
Il Presidente Emanuel Colombini ha ribadito la necessità di una visione condivisa del cammino da compiere da qui al 2020 e l’importanza di dotarsi di un piano strategico. Il Presidente Squinzi dal canto suo ha parlato, per l’Italia, ed ha ribadito la sua condivisione alla recente presa di posizione del presidente BCE Draghi: occorre investire per creare sviluppo: “Si tratta di una visione che condivido al cento per cento, ma è necessario creare le condizioni perché l’Italia recuperi posizioni nella classifica mondiale dei Paesi più attrattivi per stimolare gli investimenti esteri”.
RIFORME, LE CINQUE PRIORITA’
Sempre in tema di riforme il Presidente Colombini ha ribadito la necessità che occorre farle ed in fretta, perché il tempo è un fattore decisivo. L’ANIS nei giorni scorsi aveva realizzato un’indagine tra i propri associati per individuare i principali fattori di criticità del sistema e di conseguenza e di conseguenza indicare gli interventi prioritari che devono essere messi in campo per rendere il Paese più attrattivo. Sono emerse cinque riforme urgenti e prioritarie: riforme istituzionali, mercato del lavoro, riforma della PA (riorganizzazione e ridimensionamento), introduzione di un sistema Iva e giustizia.
ANIS
San Marino, 12 settembre 2014

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy