Sull’accordo fra Italia e San Marino, spara Monica Bollini (Spl)

Monica Bollini, Sammarinesi per la Libertà (coalizione Riforme e Libertà, minoranza in Consiglio Grande e Generale ), non si ferma a criticare il contenuto dell’accordo di cooperazione sottoscritto
fra Italia e San Marino alle 21,30 di martedì 31 marzo con firme di Antonella Mularoni, Segretario di Stato per gli Affari Esteri, e Franco Frattini, Ministro degli Esteri italiano.
Afferma la Bollini su La Voce di Romagna – San Marino: ‘credo che prima di firmare accordi nei ritagli di tempo imposti dall’Italia, occorreva ripristinare il rispetto che San Marino deve pretendere come Stato Sovrano, parimenti a tutti gli altri con cui l’Italia ha a che fare‘.
Continua la Bollini: ‘essere andati a firmare di notte con il cappello in mano, con il capo cosparso di cenere in totale sudditanza, senza pari dignità e senza definire gli strumenti di sviluppo per la nostra economia, credo che non sia stato per niente autorevole per le nostre istituzioni e credo che gli altri Paesi come Andorra, Svizzera e Austria, eccetera, non prenderanno esempio dall’atteggiamento di totale soggezione e di paura tenuto da San Marino nei confronti della vicina e amica Italia.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy