Sulla crisi occupazionale nel settore industria e Punto Shop

Le cifre dei lavoratori in mobilità, passati in un anno da 120 a circa 300, rappresentano solo parzialmente gli effetti della crisi internazionale sull’economia sammarinese. I segretari della Federazione Industria della CSU, Enzo Merlini e Giorgio Felici, tornano sul fronte caldo delle vertenze occupazionali per ricordare che al calcolo ufficiale della mobilità sfugge l’area grigia rappresentata dai lavoratori assunti con contratto a tempo determinato. “Pur non avendo il quadro completo della situazione – spiegano – abbiamo ragione di pensare che si tratti di diverse decine di persone a cui le aziende non rinnoveranno il permesso di lavoro”. Con l’aggravante che per i residenti a San Marino l’indennità di disoccupazione è pari a circa 2 euro al giorno: “Cifra assolutamente insignificante, che bisogna aumentare”.

E’ questa una delle priorità che i segretari della FLI-CSU sottoporranno all’attenzione del Governo nell’incontro in calendario il prossimo 27 gennaio, dove si discuterà anche il tema della riforma degli ammortizzatori sociali: riforma ferma al palo dal luglio 2005, quando fu sottoscritta all’interno del rinnovo contrattuale del settore industriale.

Merlini e Felici sottolineano che il fondo su cui destinare le risorse necessarie a fronteggiare la crisi e potenziare le tutele sociali è lo stesso dal quale viene erogata l’indennità di mobilità per i lavoratori licenziati. “Fondo – precisano – alimentato, attraverso un’aliquota delle retribuzioni, da tutti i lavoratori dipendenti, esclusi quelli pubblici in organico, e dalle imprese che non hanno diritto alla Cassa Integrazione Guadagni, mentre l’impegno economico da parte dello Stato è marginale”. Non va poi dimenticato che negli ultimi anni questo fondo è stato abbondantemente in attivo, “per tanto le risorse residue sono rimaste nel patrimonio dell’Istituto Sicurezza Sociale”.

Precisazione “doverosa”, affermano i segretari industria della CSU, alla luce delle polemiche che hanno seguito l’accordo sulla vertenza Puntoshop: “Proprio in virtù della struttura economica del fondo di mobilità, quell’accordo ha dunque pesato in minima parte sulle casse dello Stato”. Nel caso poi l’azienda di tele-vendite non avesse riassunto nessuno, Merlini e Felici ricordano che “le risorse sarebbero comunque state impiegate per pagare a fondo perduto la mobilità a tutti lavoratori che ne avevano diritto”. L’intesa raggiunta invece, concludono, “ha destinato i mezzi economici a disposizione per sostenere il piano di riassunzione e di rilancio della Puntoshop, investendo cioè sulle possibilità di ripresa aziendale e sulle capacità professionali di una parte dei dipendenti”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy