Tokyo 2020, è la notte del tiro a volo! San Marino sogna con Perilli e Berti

TOKYO – “Nel tiro a volo c’è un solo segreto -mi disse una volta un veterano della disciplina- prenderne il più possibile”.

Effettivamente, senza voler per forza semplificare troppo, presentare una gara di tiro a volo, perlopiù olimpica, è fin troppo facile: 125 piattelli da colpire durante le qualificazioni per stabilire chi sono i sei finalisti, poi la finale ad eliminazione, con una sola cartuccia in canna, fino all’assegnazione delle medaglie. Due giorni di gare con le qualifiche al primo giorno e i restanti piattelli e l’eventuale finale il giorno seguente.

E se presentare la gara è piuttosto semplice ancor di più lo è presentare Alessandra Perilli e Gian Marco Berti, due fuoriclasse della disciplina, due atleti di caratura internazionale, due plurimedagliati della specialità.

A Tokyo è il loro giorno.

Questa notte, quando sul Titano saranno le 2 e in Giappone le 9 del mattino, all’Asaka Shooting Range si comincia a sparare per le qualificazioni della gara femminile. Giovedì 29 alla stessa ora la seconda sessione e alle 14.30 locali, le 7.30 sul Titano, l’eventuale finale. Le qualificazioni della gara maschile iniziano sempre 50 minuti dopo quelle femminili con l’eventuale finale fissata per le 15.30 di Tokyo, le 8.30 sul Titano. 

Alessandra Perilli non si nasconde, forte del suo secondo posto nel ranking mondiale (dietro alla polacca Bernal), dell’esperienza ormai maturata in campo internazionale e dei numerosi successi conquistati in carriera (ultimo quello di Lonato nella Coppa del Mondo 2021). A Tokyo ci sono tutte le big della specialità ma non ci sarà l’australiana Catherine Skinner, oro a Rio2016. Ci sarà invece Jessica Rossi, oro a Londra2012 e le veterane Rooney (argento a Rio2016), Makela Nummela (oro a Pechino 2008) e Stefecekova (argento a Londra e a Pechino) oltre ad una schiera di esordienti molto pericolose.

Gian Marco Berti ha talento, parte da outsider ma sogna da protagonista. In pedana trova tutti i big della disciplina: i cechi Liptak e Kostelecky, lo spagnolo Fernandez, l’azzurro De Filippis, il croato Glasnovic, il ceco Varga o il russo Alipov, tutti personaggi con medaglieri ricchi e dorati. Anche tra gli uomini, come per la gara femminile, saranno al via un nutrito elenco di esordienti, tra i quali appunto il biancazzurro. 

Entrambi gli atleti sono seguiti ormai da tempo dal grandissimo Commissario Tecnico Luca Di Mari.

Come in tutte le discipline “di concentrazione” sarà importante un buon feeling con l’impianto che pare bello e ben strutturato, l’incognita più grossa potrebbe rappresentarla il meteo che minaccia vento e pioggia.

Le gare saranno visibili in diretta televisiva solamente sulle piattaforme a pagamento (Discovery + e Eurosport), la Rai potrebbe trasmettere in chiaro le finali solo in caso di accesso di atleti azzurri.

Alessandra Perilli e Gian Marco Berti saranno in gara anche in coppia il prossimo 31 luglio nel “trap mixed team” con qualificazioni alle 9 locali (le 2 a San Marino) ed eventuali finali a partire dalle 13.30 (le 6.30 a San Marino).

 

Alan Gasperoni

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui: paypal.me/libertas20
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy