Tragedia alla stazione di Riccione, il macchinista: “Giulia era ferma sui binari, mentre Alessia è scesa per provare a salvarla”

Il macchinista: “Giulia era ferma sui binari e Alessia è scesa verso di lei per salvarla”. Ricostruiti dalla Polizia ferroviaria gli ultimi istanti di vita delle ragazze: sono rimaste sulle rotaie per dodici secondi, il conducente del Frecciarossa ha fischiato e tirato il freno ma l’impatto è stato inevitabile.

MANUEL SPADAZZI – Dodici secondi. È il tempo che separa la vita dalla morte. Giulia e Alessia Pisanu sono rimaste 12 secondi sul binario uno della stazione di Riccione, prima di essere travolte e uccise dal Frecciarossa. Ora dopo ora, la ricostruzione della tragedia avvenuta alle 7 di domenica mattina alla stazione si fa più chiara. Giulia che scende sul binario e rimane lì, al centro, “come impietrita”, raccontano alcuni testimoni. Alessia è seduta sulla banchina, poi scende anche lei sul binario, allunga le mani verso sua sorella per salvarla. Ma ormai è troppo tardi. Il Frecciarossa, diretto verso Bologna, viaggia a quasi 200 km orari. Il macchinista vede le due sagome sul binario, aziona subito il fischio del treno e spinge sul freno, ma l’impatto è inevitabile. Da quanto trapela, pare che Alessia abbia tentato di ritornare verso la banchina, per mettersi in salvo. Troppo tardi. Il treno ha centrato in pieno entrambe, dilaniando i corpi delle due giovanissime sorelle di Castenaso, che avevano appena 17 e 15 anni. (…)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy