Vedo sento parlo partecipo: ‘il cappio’, un ragazzo risponde

Il cappio è stato solo un gesto simbolico, per far capire a chi ci governa che se questa riforma fiscale, così come da loro presentata, dovesse entrare in vigore, metaforicamente strangolerebbe i suoi cittadini, mettendo il paese in ginocchio.

Peccato che questo gesto sia stato strumentalizzato e utilizzato come capro espiatorio, per distogliere l’attenzione da questa iniqua proposta di legge. Vogliono passare da vittime, ma qui l’unica vittima è il popolo che secondo loro deve accettare passivamente ogni loro iniziativa..
Era necessario far passare un messaggio forte, e con questo gesto simbolico, privo di violenza fisica, credo sia stato fatto. Purtroppo hanno dimostrato ancora una volta di essere deboli, enfatizzando il gesto.

Speriamo che questo gesto come altre iniziative, riescano a fermare la loro riforma. Che possano far pagare a chi veramente deve, altrimenti dovrebbero dimettersi e assumersi le proprie responsabilità.

Il paese non ha bisogno di questa classe politica, incapace di ascoltare, e che incredibilmente si trasforma in vittima di fronte a quanto successo il 26 settembre.

Penso che ogni cittadino abbia il diritto di avere la propria opinione, e deve avere gli occhi attenti su chi lo governa, e protestare le lo fa in modo iniquo e scandaloso.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy