Vita Indipendente, Attiva-Mente: “L’inerzia e le lacune della realtà sammarinese le segnaliamo dal 2014”

Il consiglio direttivo di Attiva-Mente ringrazia tutti coloro che hanno partecipato alla serata pubblica “Vita indipendente – idee e strumenti per esprimere veramente la libertà di scelta”, organizzata dalla stessa associazione sammarinese, a margine delle celebrazioni odierne del 5 Maggio, Giornata europea per la vita indipendente.

“Ci è parso un dibattito relativamente positivo e numericamente abbastanza partecipato, penalizzato dal fatto, purtroppo, che la ‘non indipendenza dal Covid-19’ ha obbligato diverse persone a stare a casa, comprese le docenti ospiti che hanno relazionato da remoto su Vita Indipendente e Assistente Personale – dichiara Attiva-Mente in un comunicato -. Malgrado ciò, i presenti hanno comunque avuto l’ennesima possibilità di riflettere e apprendere meglio una questione che altro non è se non una battaglia di civiltà, rispetto ad una situazione che, a San Marino in particolare, è talmente evidente che non la vede e non la comprende solo chi non vuole o fa finta di farlo”.

Con l’auspicio che “il nostro sistema socio sanitario finalmente si convinca della necessità di mettere in discussione e di rivedere l’offerta erogata in termini di servizi e opportunità, in coerenza con gli impegni assunti negli organismi internazionali, e che si avvii una fase quantomeno di sperimentazione dell’Assistenza Personale”, Attiva-Mente desidera spezzare una lancia in favore del segretario di Stato per la Sanità, “il solo che dalle istituzioni sì è posto all’ascolto di un tema che per diversa formazione, forse non conosceva o conosceva poco, svolgendo un intervento realistico”.

L’inerzia e le lacune della realtà sammarinese “le segnaliamo da almeno il 2014 quando abbiamo portato a San Marino nel corso di una specifica conferenza i vertici dell’European network for indipendent living. Siamo nel 2022 e gli strumenti per dare prospettive alle persone con disabilità non autosufficienti di autodeterminarsi, di scegliere come realizzarsi e di vivere liberamente come tutte le altre, sono dati solo dalle proprie risorse. Nel mondo cosiddetto occidentale, siamo probabilmente i soli in questa situazione”.

E ancora: “A parte qualche intervento ‘fuori tema’ sugli inserimenti lavorativi e sui contratti terapeutici, da altri centrati sull’argomento è emersa la necessità di un costante esercizio culturale, di avere contezza dei dati, di sinergia tra le istituzioni e le associazioni… Ma servono anche, secondo noi, meno retorica e la volontà vera di voler cambiare le cose”.

Attiva-Mente annuncia già che tornerà su questo tema con un’altra iniziativa pubblica, “sperando di avere in presenza i relatori che durante la serata hanno impressionato tanti per forza, simpatia, competenza e che hanno trasmesso, sapendo che per qualcuno non fa mai male, ieri sera ne abbiamo avuto la riprova, l’insegnamento di ciò che significa il rispetto dei diritti e della dignità delle persone con disabilità“.

“Indipendente-Mente” è “l’inizio di un percorso di accompagnamento alla discussione, in Consiglio Grande e Generale nel corrente semestre, dell’Istanza d’Arengo sulla Vita Indipendente che abbiamo presentato e che terminerà con la partecipazione di Attiva-Mente alla Marcia della Libertà che si terrà a Bruxelles dal 26 al 28 settembre prossimi”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy