Zonzini messo ko a Imola

San Marino, 14 ottobre 2014. Deluso e amareggiato. Emanuele Zonzini a Imola ha vissuto un week end difficilissimo. Ma non sono stati tanto i problemi di basso voltaggio accusati dall’Audi sin dalle prove libere a infastidire il pilota sammarinese, quanto alcuni comportamenti fuori dalle righe. È successo tutto alla curva del Tamburello al via di gara-2 con il sammarinese che scattava dalla quarta fila. «Alla prima frenata – racconta Emanuele – qualcuno mi ha toccato da dietro spingendomi nella sabbia. L’Audi R8 Lms ultra ha perso molto tempo prima di riguadagnare la pista e quel punto il risultato era compromesso. Sono stato in categorie come la GP3 con piloti molto aggressivi, ma i comportamenti sopra le righe la FIA li sanzionava subito, prima che sfuggissero di mano. Oggi sia nel mio caso che a fine gara col modo di guidare di Mora sembrava quasi non fosse successo niente… ». Per la quarta volta quest’anno Zonzini è finito kappaò per colpe non sue. «Nessuno è intervenuto – spiega il pilota della Repubblica del Titano – a Imola quasi pareva che non fosse successo niente. Non è arrivata nessuna decisione. Con queste premesse mi passa la voglia di frequentare i campionati italiani e anzi non sono sicuro di essere al via a Monza nella tappa finale del tricolore Gran Turismo prevista il 26 ottobre».

Il week end in riva al Santerno per Zonzini non è stato davvero di quelli da ricordare. Dopo le qualifiche sulla vettura di Zonzini-Capello è stata sostituita la batteria e, tra la prima e la seconda gara si è provveduto a cambiare l’alternatore. Settimo tempo nelle prove ufficiali, Emanuele e il suo illustre compagno d’abitacolo hanno chiuso la prima gara nella stessa posizione. Poi al via della seconda sfida ci ha pensato il portoghese Mora con una tamponata a far terminare i sogni di gloria del pilota sammarinese. 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy