lunedì 16 aprile 2012 05:16

San Marino: abitanti di Falciano preoccupati per rischio eternit

San Marino: abitanti di Falciano preoccupati per rischio eternit

Antonio Fabbri, L'Informazione di San Marino: Eternit, cittadini preoccupati a Falciano per le crepe su un tetto / “Nonostante l’esposto e un sopralluogo delle autorità non è stato fatto nulla per mettere in sicurezza la copertura in amianto. Si intervenga”

Problema amianto, i crolli dovuti alla neve e il cedimento di strutture soprattutto industriali, hanno fatto emergere un problema che appare più diffuso in Repubblica di quanto si potesse pensare. Il Dipartimento prevenzione ha evidenziato 26 siti, ma non dappertutto si è intervenuti con tempestività. Anzi, in certi casi, seppure vi siano stati sopralluoghi, non si è intervenuti affatto. Così la cittadinanza è preoccupata di quanto sta accadendo.

E’ il caso dei residenti delle vie Dei Paceri e Dell’Attuario a Falciano, che in una lettera indirizzata al Servizio igiene ambientale e alla Polizia civile si dicono “molto preoccupati”. Nell’esposto i cittadini “lamentano e segnalano la presenza di amianto/eternit nella copertura del tetto appartenente al Capannone ubicato al civico 77 della via Dei Paceri di proprietà della Famiglia Tonelli. Sapendo bene essere un gravissimo problema per la salute del cittadino, il quale si trova a dover respirare ogni giorno le particelle che vengono sprigionate da questo materiale notoriamente nocivo, chiedono in riferimento alla legge 28 giugno 2005 n. 94 (norme relative all’utilizzazione, bonifica e smaltimento dell’amianto/eternit), agli organi competenti, che venga effettuato un accurato controllo dello stabile al fine di constatare quanto riferito e, nel caso in cui il controllo risultasse positivo, di risolvere la situazione nell’interesse della salute dei cittadini residenti in zona nel più breve tempo possibile. Infatti la nostra preoccupazione va rivolta anche alla struttura dello stabile, soggetta a continui lavori temporanei da dipendenti della Famiglia Tonelli, in più parti pericolante e con la presenza di vistose crepe”.

[...]