venerdì 15 giugno 2018 14:12
SAN MARINO INNOVATION

Polybius presso l’Headquarters San Marino Innovation

Polybius presso l’Headquarters San Marino Innovation

Incontro di presentazione dei piani di lavoro della joint venture su innovazione e blockchain

SAN MARINO. La società Polybius nella sede di San Marino Innovation per sviluppare i piani della joint venture: il CEO Anton Altement e il Presidente Sergio Mottola hanno messo a punto una pianificazione delle attività per il secondo semestre 2018 per la realizzazione dei primi progetti di trasformazione digitale.

[c.s.] L'incontro è stato l'occasione per presentare Anton Altement CEO di Polybius, società di big data e leader nella tecnologia blockchain che ha il compito di “essere un ponte tra la vecchia tecnologia delle transazioni e quella nuova, al fine di farle convivere e svilupparle”. Alla base di questo c’è l’identità digitale, un’identificazione unica per ciascun utente: “consentire la gestione dell’identità digitale è uno dei nostri obiettivi – ha detto Altement – e l’Estonia è il paese dove si sono fatti i maggiori passi avanti nello sviluppo dell’identità digitale, che è al centro di tutto”.

Il ruolo della JV è quello di coordinare gli sforzi di San Marino Innovation e Polybius per stabilire un ecosistema blockchain di successo a San Marino. Questi sforzi comprendono l'istituzione di un meccanismo di identificazione digitale, nonché l'impegno con il mercato e l'assistenza nel processo legislativo già in atto per creare un quadro giuridico all'avanguardia nella Repubblica di San Marino

Abbiamo chiesto ad Altement che cosa vi fa pensare che San Marino diventi un hub della tecnologia blockchain?

- Per noi il carattere identificativo della Repubblica di San Marino è la sua dimensione, che lo rende reattivo e veloce nel reagire e prendere decisioni. Questo può rappresentare un vantaggio competitivo importante. Oggi a differenza del passato, non sono avvantaggiati i paesi che hanno un equipaggiamento militare all’avanguardia  o un sistema industriale più sviluppato, ma piuttosto i paesi in grado di reagire ed innovare più velocemente e di adottare con adeguata celerità le nuove tecnologie: sarà questa la caratteristica più identificativa che un paese dovrà avere nel prossimo futuro. Pensiamo che la Repubblica di San Marino abbia tutte le carte in regola per essere in prima linea.

In quali campi verrà applicata la nuova tecnologia?

- Ci sono molti settori che saranno innovati dalla tecnologia blockchain e tutti i settori avranno vantaggi notevoli perchè ci saranno scambi facilitati e più sicuri. Il nostro compito è fare si che le nuove tecnologie affianchino le tecnologie esistenti, innovando ma senza distruggere.

Per Sergio Mottola, Presidente di San Marino Innovation, come primo passaggio è fondamentale risolvere il problema della sicurezza dell'identità digitale. “Si è riconosciuta una unità di intenti come partner. Ci sono molti settori che saranno innovati dalla tecnologia blockchain, che rappresenta una tecnologia disruptive. Il significato stesso della parola disrupt è cambiare innovando, quindi la nuova non ucciderà la vecchia tecnologia , ma la affiancherà e produrrà una forte innovazione. Tutti i settori avranno vantaggi notevoli perché ci saranno scambi facilitati,  che risolveranno il tema della diluizione dell'intermediazione ci siamo resi conto che i primi passi per entrare nel mondo della blockchain, dell’innovazione tecnologica e della trasformazione digitale partono proprio dal tema dell’identità digitale. Senza la possibilità di garantire la sicurezza delle transazioni non è possibile pensare ad un ambiente digitale e per questo abbiamo guardato all’Estonia, perché è li che si trovano le maggiori expertise in questo settore e abbiamo cercato i migliori partner sul mercato”.

“Abbiamo fondato la Joint Venture – ha detto il presidente Mottola – per costruire un tool per l’identificazione dove il pubblico avrà un ruolo, in un quadro normativo certo. Siamo qui per vedere come si possono accompagnare le imprese e le banche nell’attuale trasformazione e segmentazione del mercato e dei servizi, guidando il processo secondo una strategia digitale che prevede un mercato sempre più competitivo”

Polybius

Una nuova società, fondata nel 2017, eppure il suo team vanta un'esperienza combinata di oltre un decennio su progetti basati su blockchain.

Polybius fornirà alla nuova società il know-how e gli strumenti tecnologici necessari per sviluppare un ecosistema di servizi, tra cui Digital ID, uno strumento di verifica avanzato.