martedì 6 novembre 2018 06:35
L'INFORMAZIONE DI SAN MARINO

Marino Cecchetti: Commissione per gli affari di giustizia, pubblicarne i verbali, richiesta unanime

L'Iinformazione di San Marino

Commissione di giustizia e dintorni

Marino Cecchetti

Nell’ordine del giorno dell’ultima sessione del Consiglio Grande e Generale, al comma 25 si leggeva: “Aggiornamento Commissioni Consiliari … come da Regolamento Consiliare”. Ha riferito l’Agenzia Dire-SMNA, in data 31 ottobre: “Al momento del voto per la sostituzione in Commissione Affari di Giustizia di Eva Guidi [neo Segretario di Stato alle Finanze] e del Capitano Reggente Luca Santolini non viene raggiunto il quorum” dei due terzi, a causa dei consiglieri di opposizione che non hanno ritirato le schede di votazione. Insomma, nessuna sostituzione. Di fatto i commissari sono stati ridotti da 10 a 8 a scapito della maggioranza.

L’opposizione ha fatto ricorso a questo mezzuccio definito “ignominioso” dalle file della maggioranza. La colpa però è anche della cervellotica riforma istituzionale che obbliga i Capitani Reggenti ed i Segretari di Stato a ‘dimettersi’, per così dire, da consiglieri quando assumono detti incarichi. Una riforma scopiazzata da realtà esterne diversissime dalla nostra, senza quella ponderazione che il grande Piero Calamandrei ha raccomandato ai sammarinesi in materia di riforme istituzionali.

Quanto allo specifico dell’amministrazione della giustizia, va detto che dopo Conto Mazzini  si è aperto uno scontro fra maggioranza ed opposizione che va tutto a vantaggio dei poteri forti: vengono stoppate le indagini su banche, finanziarie e assicurazioni, perfino nel caso di esplicite ammissioni di colpevolezza.

Per invertire la rotta, si cominci con l’approvare all’unanimità - all’unanimità! - la proposta del Segretario di Stato alla Giustizia, Nicola Renzi, di rendere pubblici i verbali della Commissione per gli Affari di Giustizia nonché dei vari consigli giudiziari, plenari e non, a partire dal 30 ottobre 2017 quando l’ex Magistrato Dirigente, dr.ssa Valeria Pierfelici, ha illustrato la relazione 2016 con addendum.