mercoledì 8 luglio 2020 07:12
RASSEGNA STAMPA

San Marino. Carisp ritira la querela contro Santi e Ciavatta

San Marino. Carisp ritira la querela contro Santi e Ciavatta

Blitz” in Carisp, i neo nominati vertici della banca ritirano la querela a Ciavatta e Santi

ANTONIO FABBRI - Si è aperto con un colpo di scena il processo a carico del segretario di Stato alla Sanità Roberto Ciavatta, difeso dagli avvocati Maria Luisa Berti e Lara Conti, e del segretario attuale del movimento Rete, Emanuele Santi, difeso dagli avvocati Tania Ercolani e Gianluca Micheloni, imputati per il cosiddetto “blitz” in Cassa di Risparmio del 30 maggio del 2018. I nuovi vertici di Cassa di Risparmio recentemente nominati dal governo, infatti, hanno fatto depositare al loro avvocato la remissione di querela e quindi il ritiro di Cassa di Risparmio da parte civile nel processo. Il documento, firmato dal neo presidente Carloalberto Giusti e dal neo amministratore delegato Gianfranco Antonio Vento - quest’ultimo tra l’altro nominato nel Cda di Cassa proprio su indicazione del movimento Rete - toglie dunque la querela che il precedente Cda aveva presentato alla luce delle frasi infamanti pronunciate e scritte all’indirizzo dell’organismo di vertice di Carisp e dei suoi esponenti. Poiché i reati di diffamazione e diffamazione a mezzo delle comunicazioni sociali sono procedibili a querela di parte, è molto probabile che tre dei cinque capi di imputazione principali vengano a decadere. Su questo il giudice si è riservato di decidere anche alla luce dell’audizione, che sarà la prima e verrà calendarizzata con tutta probabilità a settembre, dell’ex presidente di Cassa, Fabio Zanotti. C’è da chiarire, infatti, se questi avesse presentato querela solo in qualità di presidente di Carisp o anche personalmente, viste le offese a lui direttamente indirizzate, e se in tale caso abbia intenzione di rimanere parte nel processo. Nel primo caso, di denuncia sporta il qualità di presidente, il capo di imputazione relativo alla diffamazione e minaccia decadrebbe in toto, hanno rilevato i difensori di Ciavatta e Santi. Resterebbe in piedi, quindi, l’accusa di violenza privata nei confronti di Andrea Rosa, che invece ieri ha confermato la sua costituzione di parte civile. Resterebbe pure l’accusa di istigazione a delinquere. Il quadro delle imputazioni, con il ritiro della querela, si alleggerirebbe comunque di molto. (...)

Articolo tratto da L’Informazione di San Marino

Leggi anche

l'articolo integrale di Antonio Fabbri pubblicato dopo le 23

La diffamazione, gli insulti e le minacce che resteranno lettera morta

Libera su Rete: “Storia vera di un ex movimento politico”

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782