A difesa del governo e della maggioranza

Sono stati discussi, nel Gruppo di Coordinamento di Alleanza Popolare di ieri, temi legati all’attualità politica, al ruolo del Movimento nella maggioranza, al sostegno delle iniziative del governo, agli scenari del prossimo futuro.
E’ stata esaminata in primo luogo la manovra straordinaria, con i suoi contenuti e le sue finalità che non possono non toccare i settori che generano maggiore spesa – quali la pubblica amministrazione, la sanità e le pensioni – nonostante le resistenze in atto, dentro e fuori della maggioranza, che tentano di vanificare la portata complessiva della stessa manovra.
Il Coordinamento ritiene che gli interventi dovranno essere – quanto più possibile – strutturali, capaci non solo di una contingente utilità ma di proiettare i propri benefici anche per il futuro e non riguardare – in linea di massima – sanatorie e condoni. Un sì deciso alla riforma della pubblica amministrazione con accorpamento di uffici, alla riduzione degli sprechi e alla eliminazione dei privilegi. Il Governo viene sollecitato a un intervento corale e complessivo che impegni tutte i settori pubblici e coinvolga le responsabilità delle singole Segreterie di Stato.
Appoggio pieno, quindi, alla maggioranza nel difficile compito di aiutare il Governo a fronteggiare la crisi attraverso il contenimento della spesa pubblica e l’utilizzo più razionale e prudente delle risorse. In questo momento il Paese chiede alla classe politica serietà e responsabilità; non vuole crisi politiche né elezioni anticipate come invece qualcuno – non rassegnato al ruolo di opposizione che gli elettori gli hanno dato – invoca quotidianamente dalle pagine della stampa locale.
Il Coordinamento si è soffermato a discutere in particolare degli evidenti tentativi di restaurazione ad opera della “vecchia politica”. In un momento di crisi del Paese stanno riaffiorando le nostalgie dei tempi che furono, portate avanti dai soliti vecchi politicanti che, nonostante la zavorra di essere i responsabili principali dello sfascio delle relazioni esterne e delle attuali difficoltà, hanno la spudoratezza di riproporsi sulla scena politica con le solite formule che tanti danni hanno provocato.
Il Coordinamento ritiene che si debba reagire a questi tentativi infausti e pericolosi con un’azione ancora più incisiva e ricca di contenuti, seguendo con convinzione la strada del rinnovamento e dell’aggregazione di forze politiche guidate da uomini inattaccabili sul piano dell’onestà politica e personale, e con gli stessi obiettivi di risanamento dell’economia e delle coscienze. Ha raccomandato ai rappresentanti di Alleanza Popolare di essere fedeli interpreti di questi indirizzi nelle diverse sedi, di perseguire questi obbiettivi e di essere oggetto di una puntuale informazione rispetto all’evoluzione della situazione politica e delle manovre in corso.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy