A San Marino una settimana da triduo

Quando sulla Repubblica di San Marino incombeva un pericolo troppo grande per la sparuta – in senso numerico – intellighenzia che reggeva il Paese, i Capitani Reggenti tiravano fuori le chiavi delle reliquie del Santo Marino e ordinavano all’arciprete un Triduo per chiedere la grazia.

Tante volte.
E non solo quando dovevano affrontare Cardinali e Papi.
Addirittura, talvolta, in segreto: quando di fronte avevano miscredenti come i Francesi di Napoleone I o i Piemontesi di Cavour.

La settimana che si apre oggi a San Marino è da Triduo di preghiera al Santo.

Cominciano, infatti, il loro lavoro i valutatori Moneyval.
In caso di bocciatura – cioè nel caso che la Repubblica venga
ricacciata nella lista dei Paesi considerati non collaborativi da cui è uscita un anno fa – non c’è più speranza di poter ricorrere agli organismi internazionali contro i propositi di
annessione di cui ha parlato Oscar Giannino.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy